Archivio Categoria: STORIA&STORIE

SETTANT’ANNI DI MAGLIETTA FINA

di JOHNNY RONCALLI – Baglioni fa i settanta, e auguri. Ne ha suonate e cantate un bel po’, se non proprio di tutti i colori, ma per il sottoscritto, comunque lo rigiri, Baglioni è e rimarrà sempre quella cosa lì: quella sua maglietta fina/tanto stretta al punto che/mi immaginavo tutto. Punto. Era il 1972, io c’ero ma dormivo, o almeno dormivano i miei ormoni. Nel […]

LA MIA 32ESIMA VOLTA: IL LUNGO AMORE COMINCIO’ NEL ’78, INCANTATO DA MOSER

di SILVIO MARTINELLO (oro olimpico Atlanta 96) – Ritorno con piacere a scrivere sulle pagine digitali di @ltroPensiero.net. L’occasione mi viene data per parlare dell’imminente partenza del Giro d’Italia numero 104. Il Giro della Ripartenza, come lo ha chiamato la società organizzatrice, il Giro che finalmente ritorna a corrersi nel consueto periodo primaverile dopo la parentesi autunnale del 2020. Ci saranno ancora tutte le restrizioni […]

ROLAND E AYRTON, QUEL 1° MAGGIO DEL 1994

Lo stesso week-end di quest’anno, 30 aprile-1 maggio, a Imola. Quella volta era il 1994. Nel giro di poche ore, trovò la stessa fine la storia incrociata di un pilota sconosciuto, Rudolf Ratzenberger, e di un pilota immortale, Ayrton Senna. A tanti anni di distanza, lasciamo alla penna di Emanuela Audisio, sulla “Repubblica”, il compito di ravvivare il ricordo più bello. Un articolo che smuove […]

RICONOSCIAMOLO: LA VERA EPOPEA SPAZIALE E’ TARGATA URSS

di GHERARDO MAGRI – Si celebrano i sessant’anni del primo volo in orbita di un essere umano, il russo Yuri Gagarin, eroe senza tempo che vivrà per sempre nella memoria collettiva. Il suo faccione sorridente e quadrato, che ammicca dal casco rigorosamente siglato CCCP, è il simbolo della supremazia comunista dello spazio di quegli anni. Ma l’abbiamo capito bene molto tempo dopo, perché la propaganda […]

LA STUPIDA LEGGE DELLA BORRACCIA

di PIER AUGUSTO STAGI – Siamo alla degenerazione totale, una deriva in cui le famiglie non insegnano più nemmeno le basilari regole della buona educazione, non dico del galateo. Il vaffa digitale è seguito costantemente da un vaffa analogico, quindi reale. Il vaffa laico alternato ad uno religioso. Non si onorano né il padre né tanto meno la madre, figurarsi il nonno, gli zii e […]

NO BEPPE, PER IRENE TU COLPE NON NE HAI

di TONY DAMASCELLI – Giampiero Boniperti era sicuro, Beppe Furino aveva due cuori. Il presidente non aveva ragione. Tu, Beppe, hai un cuore solo, oggi è frantumato come un vaso di cristallo scappato dalle tue mani e finito per terra, inutile ricomporne i pezzi, nulla sarà brillante e prezioso come prima. Irene se ne è andata improvvisamente e per sempre, l’ha rubata il virus cattivo […]

21 MARZO, QUEL CHE RESTA DELLA POESIA

di FABIO GATTI – Non può essere un caso che l’inizio della primavera coincida con la Giornata Mondiale della Poesia: sarà una suggestione, ma dev’esserci un preciso disegno nel far cadere entrambi gli eventi il 21 marzo, soprattutto se si pensa a quanto la primavera abbia ispirato la poesia, e quanto la poesia abbia omaggiato la primavera. Se ragionassimo in termini di stagioni, però, dovremmo […]

FESTA DEL PAPA’? MA SE IL PADRE L’ABBIAMO TRUCIDATO

di FABIO GATTI – Ad essere sinceri, dovremmo ammettere che quella del papà, più che una festa, è una commemorazione. L’ipocrisia regnante imporrà di omaggiare il padre e celebrarne il ruolo, ma la ricorrenza del 19 marzo assomiglierà sempre più pericolosamente a un carnevale: per un giorno s’immagina un mondo capovolto che nella realtà non esiste. Il padre è la figura sociale attaccata da più […]

IL MIO GRATO ADDIO A OTTENS, MISTER MUSICASSETTE

di JOHNNY RONCALLI – Ferro, cromo, ferrocromo, metal. C46, C60, C90, C120. L’inizio è scoraggiante, me ne rendo conto, ma chi c’era sa che non stiamo parlando di siderurgia, chi c’era associa immediatamente un nome a quelle parole e alle sigle numeriche che seguono: musicassette. Qualche giorno fa se n’è andato, a 94 anni, Lou Ottens, nome che nemmeno chi c’era conosce o conosceva, ma […]

ALLE CALCAGNA DEL GENIO ERRANTE DI NIETZSCHE

di GIORGIO GANDOLA – “L’uomo che usò la parola Über 150 anni prima che inventassero una app per chiamare i taxi online è nato e sepolto qui”. Comincia così, da Rocken in Sassonia, un viaggio di 4000 chilometri sulle tracce del più dinamitardo pensatore della Storia, il distruttore di mondi Friedrich Nietzsche, un inseguimento all’ultimo respiro (non per niente il libro avrebbe potuto chiamarsi Rocken […]

MA E’ ANCHE L’ANNIVERSARIO DELLA NOSTRA STUPIDITA’

di CRISTIANO GATTI – Siamo tutti a ciglio umido. Un anno esatto dall’inizio di tutto quanto, dell’inferno su questa terra senza nemmeno preavviso. Per qualcuno è un dolore che sa di morte, per una certa massa bruta e brutta è un dolore che sa solo di rinuncia e privazione, quest’estate le discoteche, ora la settimana bianca, nel mezzo feste e ritrovi beoni sull’orlo del burrone. […]

LINGUA MADRE E FIGLI DEGENERI

di FABIO GATTI – Non ci taglieranno anche la lingua. Questo, in fondo, lo scopo della Giornata della Lingua Madre, celebrata in tutto il mondo il 21 febbraio. L’originalità di questa festa sta tutta in quel nome, madre, che si fa aggettivo, e che richiama l’idea di legame nell’era dei rapporti sempre più sfilacciati, rimanda a un passato e a una tradizione mentre le parole […]