QUANDO PIERFURBY CASINI SCIO’ A CORTINA CON LO SKIPASS TAROCCO

Il nostro passato non ci abbandona. Soprattutto se si tratta di pass: in questo caso, dello skipass. L’ha ricordato questa mattina su Radio24 in “Uno, nessuno, 100Milan” Mauro Corona, in collegamento telefonico con Alessandro Milan e Leonardo Manara. Un episodio che lo scrittore, scultore e volto televisivo ha ricordato sottolineando il gesto atletico del candidato presidente Casini, mai come in quell’occasione PierFurby.

Durante le festività natalizie del 2008, Casini era a Cortina e pensò bene «di utilizzare lo skipass della figlia per sciare – racconta Corona -. Peccato veniale, piccola furbata, che la dice lunga però sul modo di pensare di certi politici che non hanno chiaramente problemi a farsi un pass in più di 600 euro», chiosa. Con il commento personale: «Una figura che poteva essere evitata e con non fa certo onore a quello che potrebbe diventare il prossimo Presidente della Repubblica».

Così riporta il “Corriere delle Alpi” del 15 gennaio 2008: «Casini si stava allenando sugli sci sulle piste del Cristallo in vista della 7ª “festa sulla neve” che si svolgerà a Sestola a fine mese. Conclusa una discesa, l’ex presidente della Camera è stato prima fermato e poi riconosciuto da uno degli ispettori dell’impianto di risalita in uno dei controlli che scattano quando qualcosa non quadra…». «Casini stava per salire sulla seggiovia», racconta Enrico Ghezze, del “Superski Dolomiti”, «quando, sui monitor che segnalano al personale chi oltrepassa il cancelletto, è apparsa la foto di una ragazza, quando invece era evidentemente un uomo la persona che stava salendo sull’impianto. In più lo skipass era intestato ad una certa Benedetta Casini, che tutti quassù sappiamo essere la figlia dell’onorevole. Abbiamo quindi fermato il “sospetto”, e abbiamo subito visto di chi si trattava». «Naturalmente ha dovuto comprare uno skipass pomeridiano e pagare la multa di 30 euro che applichiamo in questi casi».

Morale di questa storia: il nostro passato non ci abbandona. Neanche il pass. Occhio allo skipass per il Quirinale.

(Articolo citato del “Corriere delle Alpi”)

 

 

Un pensiero su “QUANDO PIERFURBY CASINI SCIO’ A CORTINA CON LO SKIPASS TAROCCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.