OBAMA, SANTO ED EROE CON LICENZA D’INSULTO

di TONY DAMASCELLI – Obama Barack è premio Nobel per la Pace. Ogni tanto se ne dimentica e va in guerra. O meglio, si diverte con le pistole ad acqua e i mortaretti. Ha avuto il tempo per scrivere una classica autobiografia e tra le mille cose ha voluto dedicare pensieri e parole ad alcuni suoi sodali, trattandoli come pezze da piede, tipo Sarkozy un “gallo nano”, con i suoi tratti scuri, vagamente mediterranei (era mezzo ungherese e per un quarto ebreo greco) e la sua bassa statura (un metro e 66, ma portava rialzi nascosti nelle scarpe per sembrare più alto), sembrava uscito da un quadro di Toulouse Lautrec. O il russo Putin, un duro da strada. E il turco Erdogan, un boss locale.

Ora, se tali considerazioni raffinate ed eleganti fossero state rilasciate da un sovranista, fascioleghista, un volgare Trump qualsiasi, avremmo la sollevazione di fogli e talk show radiotelevisivi, interventi sul razzista che se la prende con i diversamente alti, una denuncia all’Onu, la richiesta di una censura da parte del papa, sempre pronto all’uso.

Invece si registrano sorrisi vari, applausi e riverenze. Obama Barack o Barack Obama, è lo stesso, può permettersi la qualunque, offende, insulta, deride ma resta l’idolo di sempre, al di là dei sette Paesi bombardati dagli americani durante la sua presidenza.

Il titolo dell’autobiografia è “Una terra promessa”. Fa venire in mente una canzone di Ramazzotti Eros o Eros Ramazzotti, è lo stesso. Il disco risale al 1984. Mister Obama, non faccia troppo il furbo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.