NON MI FIDO, RESTO BARRICATO

di LUCA SERAFINI – Mi sono firmato il mio decreto personale: terrò una conferenza stampa con il portinaio, annuncio che resto in lockdown fino al 18 maggio.

Del giorno 4 e di quelli a venire ho avuto il terrore da quando hanno cominciato a straparlare della Fase 2. “Con tutta la prudenza del caso”, “Ma non sarà un liberi tutti”, “Solo alcune filiere”, e poi quei deliri sgrammaticati sul senso di congiunti, emergenze, necessità: ebbene, non mi fido. Ho più paura di prima.

Per quanto giornali e telegiornali abbiano poi cercato di chiarire, spiegare, approfondire che i recinti non sono esattamente riaperti, hanno comunque trascorso il weekend aprendo o titolando enfaticamente: “L’Italia riparte”. Ma è dove va che mi spaventa.

Nella grande piazza di Milano dove vivo, circondata da grandi e trafficate arterie, in tutta onestà per due mesi ho visto o sentito passare un’auto ogni 10 ambulanze. Era il deserto. Vicino al mio quartiere sorgono due grandi ospedali, l’angoscia di quelle sirene ha costantemente frustato le mie giornate e molte notti.

Stamattina è tornato ad essere lunedì, un lunedì milanese con traffico, clacson, negozi aperti. “Fate i bravi”, ci hanno ripetuto per settimane e settimane vuote, se non riempite da qualche angoscia. Abbiamo avuto paura, ma io mai come oggi. Autocertifico che me ne sto a casa fino al 18. Poi vedremo. “Poi vedremo” è stato per settimane l’altro invadente monito di questi mesi dopo quel “siate prudenti”.

Vivo in questo Paese sgangherato, non posso fare altrimenti che stare a guardare se, per una volta almeno, la gente avrà capito da sola cosa fare, perché le spiegazioni non sono state sufficienti. Mai. Resto ottimista, ma ho paura.

Precedente CHE VUOI DAVVERO, DONNA? Successivo AL GRAN GIOCO DEL COMPLOTTO

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.