LE VERITA’ NON DETTE SUL RESPINGIMENTO POLACCO DI SALVINI

“Kukiz’15” è un movimento politico della destra polacca. Il suo ispiratore è Pawel Kukiz, che nel suo passato ideologico, mai smentito, è stato vicino alle idee del nazismo, ha ribadito di essere contrario all’aborto e di considerare gli omosessuali contro natura, come musicista punk ama testi che insultano qualunque credo religioso.

Esistono immagini significative di Kukiz a fianco di Luigi Di Maio, il nostro attuale ministro degli Esteri al tempo aveva sottoscritto i patti con il leader movimentista polacco, condividendo la battaglia contro la partitocrazia e l’Europa. Tra i vari affiliati al movimento risulta anche Wojciek Bakun, costui è sindaco di Przemysl, cittadina polacca nella quale si è presentato quel furbacchione di Matteo Salvini, indossando un poderoso giaccone a vento pieno di stemmi, scambiati e denunciati dalla semprepronta Lucarelli Selvaggia, come griffe offensivi allo strazio della popolazione ucraina in fuga. In verità gli stemmi sono relativi ad aziende sostenitrici di una associazione di volontariato “Ripartiamo onlus” che ha trasferito in Italia già 35 profughi, donne e bambini, che si trovavano in un orfanotrofio.

Il Bakun ha respinto il giaccone e il suo contenuto, tra applausi e strilli vari all’indirizzo dello smemorato (come lo ha definito il Gramellini). Ora l’eroico sindaco potrà tornare ad occuparsi di aborti e di omosessuali.

Così, per dire.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.