L’ALVEARE IN TESTA

di LUCA SERAFINI – La comunicazione non manca. Quella tradizionale, ormai quasi di retroguardia, cerca di respirare spostando zolle di social da cui è seppellita. Una delle poche cose che abbondano in questa costrizione planetaria continua ad essere la libertà di scegliere, come in un gigantesco supermercato gratuito dell’informazione.

Purtroppo – da sempre – sono uno di quelli che al supermarket arrivano, comprano e se ne vanno, senza guardare marca, prezzo, offerta speciale, 3×2. Frenesia da single. Almeno un po’ di selezione tra chi mi dice cosa, però, ho sempre cercato di farla.

In questo periodo, confesso, è una fatica immane. Stanno sbucando persino le fake delle fake… La linea di confine tra reale, virtuale e artificiale è impalpabile.
Saltabecco tra tg e web, radio e canali YouTube, giornali e pdf dove spuntano guru, teorici, santoni, profeti di tutti i tipi in ogni anfratto. Hanno quasi tutti titoli e attestati ridondanti, non mi permetto…

Quello che hanno di diverso ovviamente sono le teorie: sui contagi, sulle cure, sui vaccini. Ma, soprattutto, sulla genesi: pipistrello, laboratorio, 5G, elettricità, inquinamento… Un ginepraio.

Il ginepro è una pianta sempreverde, può essere secolare, produce bacche tendenzialmente blu ma con varie tonalità violacee che possono essere anche verdi, bianche, giallognole, rosse. Ci sono bacche di ginepro maschi e bacchedi ginepro femmine. I baccelli possono essere marroncini. Insomma un ginepraio, appunto. Dove si fa fatica a capire e distinguere un frutto dall’altro, un uso dall’altro: ornamentale, oppure legno per mobili, odori per l’affumicatura… Se ne ricavano ottimo olio e liquori come grappa e gin. Una libertà assoluta di farne ciò che ti pare, di ‘sto ginepro.

Quindi ho trascorso molte ore di queste interminabili notti boreali casalinghe a discutere in chat sul complottismo e/o sulla ribellione della natura, ma sono esausto e confuso. Primo segnale di cedimento da quarantena.

Ho deciso di concentrarmi sul “dopo”, quel che diventerà la nostra esistenza, e impiegare al meglio il “presente” con il lavoro, la lettura, la musica e le serie tv. Ci sarà tempo per parlare del “passato”, sul chi ha fatto cosa. Magari arrivando scientificamente a provare e certificare un colpevole, sia esso l’uomo o la natura.

Nel frattempo, su questo tema non ascolto più nessuno.

Un pensiero su “L’ALVEARE IN TESTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.