CICCIO GRAZIANI ATTACCA I CALCIATORI AL MURO

di TONY DAMASCELLI – L’aggettivo di Ciccio Graziani? “Generoso”. Non è cambiato nulla, a parte l’età e la caduta del capello. Francesco Graziani da Subiaco, mese dicembre, giorno 16, del 1952, presenze in campo 531, gol 182, campione d’Italia con il Torino e campione del mondo con la nazionale, continua nei suoi atti di altruismo e posta su Instagram un “corto” che merita l’Oscar di Hollywood, il Leone d’oro di Venezia, la Palma di Cannes e l’Orso di Berlino. Va di sabbia e cemento, li scarica dalla betoniera, a torso nudo spinge la carriola, completa il facimento di un massetto nella dimora di un amico e si rivolge ai suoi colleghi prestipedatori (cfr Brera Gianni): “io ce l’ho con quelli che si lamentano perché giocare al pallone fa troppo caldo, alle cinque e un quarto, alle sette e mezza, alle nove e tre quarti. E’ dalle otto che c’è da fà ‘sto massetto de’ cemento, stiamo a lavorarlo per farlo e a portarlo a destinazione. Se venissero qui affà ‘ste cose qui, io dico che preferirebbero giocà a pallone, sicuro”.

Poi parla con il suo amico Roberto, solleva da una parte la carriola, svuota il carico, sbuffa: ”A Robè che me dici, se lamentano..”, e Roberto conferma: “Se lamentano perché stanno troppo bene”. Ciccio va ancora in gol: ”Guarda qua Robè, sessantasette anni, va in pensione tra qualche mese, dimmi te se una persona così deve stà a lavorà, a farsi er c… . I ragazzi se lamentano, è troppo caldo, vogliono il fresco, l’aria condizionata, ‘sti ragazzi, alzarsi alle 8 de mattina e finisci alle 6 de sera, con ‘sto caldo, io dico che se vengono qui preferiscono giocà a pallone. Vi ringrazio e vi saluto perché qui c’è da lavorà ancora”.

Da calciatore, Graziani non aveva piedi buoni. Da muratore, Ciccio ha mani da leggenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.