LO STRESS DELL’OZIO

di LUCA SERAFINI – L’agenda è piena. Appena sveglio ginnastica di riabilitazione con istruzioni Skype del mio fisioterapista di fiducia, caffè, tg. Intanto dall’iPhone arriva già il ticchettio dei primi whatsapp, incessante fino a notte fonda, con video di uno che guarda il mondo dall’oblò della lavatrice e canta, uno che va in bicicletta in casa, uno in auto in garage che simula di essere nel traffico, uno che porta a spasso un peluche, un paio di “buongiorno Luca” con la foto di Conte e il fumetto: “Vi chiudo anche i balconi!”

Ecco sms con le prime convocazioni per call conference con parenti e amici, fissate per tarda mattinata, primo pomeriggio e apericena ognuno con in bella vista il suo bicchiere di vino e i suoi stuzzichini. Mia nipote mi ha fatto iscrivere (con un’altra trentina di parenti) a un’applicazione gratuita per le videochiamate collettive, così possiamo festeggiare il suo compleanno tutti insieme: “Sei capace zio?”. La sorprendo e ride: sono diventato praticissimo nello scaricare le app, me ne hanno già fatte scaricare altre 2 amici e colleghi. Scarico app come un camallo le casse dalle stive.

Poi scattano i corsi di cucina yoga giardinaggio bricolage pittura… tutti online. Ah già, devo dare un’occhiata ai social con i pensieri e le riflessioni di tutti, tutti, tutti, poi gli appunti sulle donazioni da fare oggi (mi raccomando, anche solo un euro al mese!), qualche canonica telefonata tradizionale a mia sorella, a un’amica e a quello che non sentivo da 15 anni ma mi sta scrivendo tutte le mattine da una settimana: “Come stai?”.

Pausa bagno: bisognini, doccia con il triplo della schiuma abituale, igiene orale mentre scrivo, invio le prime risposte e inoltro a terzi le varie scemenze whatsapp, poi corsa al tablet per ricordarmi le convocazioni quotidiane al balcone, inno canti musica luci, già che ci sono mi fermo e scrivo un altro paio di pagine del mio nuovo libro.

A proposito, dopo vado a riprendere quello di James Ellroy per vedere come va a finire: vuoi non leggere un libro? Mi devo fermare dopo poche righe perché il cellulare suona: chiamata FaceTime da due amici gay che convivono in Spagna. A proposito, devo rispondere alla mia ex che mi ha mandato un vocale ieri sera: è un po’ depressa.

Pausa altro caffè, sigaretta elettrica, stima delle scorte in cucina per decidere se andare o no a fare spesa. Un’occhiata furtiva all’orologio sulla parete della cucina: Porco Giuda! Già le otto e venti! Mamma come è tardi… Eppure ho la netta sensazione di essermi dimenticato qualcosa.

Un pensiero su “LO STRESS DELL’OZIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.