TRASH LUCIANA CHE NON FA RIDERE PIU’ NESSUNO

di GIORGIO GANDOLA – Si sono ribellati tutti. Il pomello di Luciana Littizzetto ha suscitato lo scandalo e il furore, nessuno gliel’ha perdonata. La battuta aveva la pretesa di essere fine, a “Che Tempo Che Fa”. Davanti a Wanda Nara nuda a cavallo come lady Godiva, la pseudo comica aveva detto: “Chissà dov’è finito il pomello della sella, lei si arpiona così. Ha la Jolanda prensile”. Uscita fuori luogo e fuori tempo, anche il di lei marito Maurito Icardi avrebbe fischiato il fallo. Qui però peggioriamo tutto, meglio tornare nei binari e dare conto delle reazioni.

Femministe di complemento sulle barricate, l’accusa di sessismo è il minimo, la richiesta di provvedimenti nei confronti della spalla allegra di Fabio Fazio è una conseguenza doverosa. Qualcuno tira in ballo l’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini, quello che stacca l’assegno di 11 milioni l’anno al bravo presentatore e al suo circo in calo di ascolti. Interviene Selvaggia Lucarelli a scudisciare la Luciana, le fa da corte tutto il web con frasi come «Battute a sfondo sessuale pronunciate da una donna fanno ancora meno ridere ma danno disgusto», «Se certe uscite le facesse un uomo lo avrebbero già radiato».

Sessismo, questione femminile, tutti contro tutti. E a trasformare l’uragano in tempesta perfetta ecco lo scrittore Massimiliano Parente: “Mi tocca difendere la Littizzetto dalle femministe. La parità è che si sia pari, non un vittimismo usato per prevalere con le lagne che offendono proprio le donne. Pensate solo a quante battute ha fatto la Littizzetto sui genitali di Fazio. Ma se ne fai una su una donna allora è sessismo, la più grande umiliazione inventata dalle femministe per umiliare le donne invece di liberarle”. L’arco costituzionale della morale pubblica è in agitazione, ciascuno dice la sua.

Noi vorremmo semplicemente prendere le distanze dalla canea per aggiungere un parere distaccato, anzi sfinito dall’usura: la Littizzetto non fa più ridere. Questo il vero problema. Non è un concetto femminista è neppure maschilista. Semplicemente è un giudizio di merito: la signora è alla frutta, è finita, non si regge più in piedi, ha imboccato da anni il viale del tramonto. È inutile aprirle l’ombrello del femminismo come se fosse Jane Fonda. Scarichiamo ”The End” dei Doors e ascoltiamola a tutto volume: è la colonna sonora del Littizzetto World. Da tre anni riusciamo perfino ad anticipare la battuta, da almeno cinque non riesce a farci muovere l’angolo della bocca se non con una smorfia di tristezza. Patetica anche la mossa della disperazione, per chi fa il suo mestiere: raschiare continuamente sul fondo del volgare più truce.

Meglio dirglielo in modo brutale, essendo una donna di mondo sicuramente preferisce. Arriva lei e come per magìa l’ambiente circostante si trasforma, diventa un bar freddo e poco accogliente. Battute vecchie, vanzinate da film di Natale già rivisto a Capodanno, riciclaggio molesto delle gag di Twitter della settimana prima. La “vispa Teresa piemontese” che doveva svegliare il serioso pubblico di Raiuno, in realtà lo mette a nanna. Ventimila euro a puntata, 2000 euro al minuto per fare l’analisi della parola “suca” (tanto per rimanere a Oxford, ma parlando della sua fenomenologia non potevamo pretendere di esplorare i misteri di Hegel). E magari scoprire che è stata usata per una tesi di laurea a Palermo.

Ormai stona come quando cantava da promessa sposa gabbata in “Tre uomini e una gamba”. Da lì è salita e lì – a un ruolo comprimario da avanspettacolo – è tornata. La sua fortuna è lui, Fabio Fazio detto il Fratacchione. Fosse la comica di un altro programma sarebbe già stata congedata con una scatola di cioccolatini. Ma fino a quando il sosia di Bashar El Assad (nonché presentatore più filogovernativo dai tempi di Pippo Baudo) sarà in auge, dovremo continuare a sorbirci i pomelli di milady. E far finta di ridere per non sembrare sessisti.

Un pensiero su “TRASH LUCIANA CHE NON FA RIDERE PIU’ NESSUNO

  1. Fiorenzo Alessi dice:

    Caro dott. Giorgio GANDOLA,
    Lei ha l’arte sopraffina , ed il coraggio, della verità che stronca .
    Nulla da aggiungere al suo elogio esequiale di una tipa che se anche sparisse all’improvviso in pochi ne sentirebbero la mancanza.
    Lei ed il compare , artisticamente (si fa per dire…) sodale della specie più zerbiniana che possa esistere sulla faccia della terra.
    Un tizio …fazioso che le fa da rianimatore e che a definire ruffiano si offenderebbero i ruffiani, quelli veri .
    Quanto ai danari che il servizio pubblico elargisce a questi due , con i quali si potrebbero fare non so quante opere di bene (si dice ancora così ?) , vale l’aurea regola del mercato . Come in quello delle vacche. Sempre mercato è.
    Cordialmente.
    Fiorenzo Alessi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.