ZONA ROSA

di CRISTIANO GATTI – Magari è solo la prima impressione, magari sono frettoloso nei giudizi, ma è anche vero che tante volte la prima impressione è quella giusta, non solo sulle persone.

E allora nessun problema a riconoscerlo: parlando dalla Lombardia, in piena zona rossa, posso tranquillamente testimoniare che di rosso non c’è proprio nulla. A essere proprio rigorosi, la definirei una zona rosa.

Basta affacciarsi alla finestra, basta scendere in strada, basta avventurarsi nei quartieri, basta anche solo guardare qualche filmato sui siti internet o alla televisione: il mondo non si è fermato. Nemmeno qui, nella zona più chiusa d’Italia. Se non fosse che tutti abbiamo ancora fresca nella memoria l’immagine della desolazione e nelle orecchie il silenzio di aprile, potremmo anche credere al lockdown draconiano. Ma proprio perchè ricordiamo bene, il confronto è facile e immediato: niente a che vedere con quell’angoscia spettrale. La gente va in giro – per i suoi mille motivi, con le sue brave autocertificazioni -, i negozi sono in maggioranza aperti, macchine e furgoni e pullman comunque circolano in ottima quantità. I controlli? Per favore, siamo seri: sono minacciati, ventilati, ipotizzati. Ma niente di paragonabile neppure loro. Dopo tutto, qui è il presidente regionale per primo a definire questa nuova chiusura “uno schiaffo alla Lombardia”. E comunque bisogna pur riconoscere che persino i vigili siano sfiancati, dopo tutti questi mesi. Sempre meglio stare blandi, con questa paura che circola di rivoluzione popolare.

In definitiva, e spiace per loro, gli unici in zona rossa per davvero, genere marzo-aprile, sono i ristoratori. I baristi no, attenzione: tantissimi di loro sono aperti con l’asporto. Confesso la mia esperienza: sono andato al solito bar e ho preso il solito caffè, che da mesi prendevo fuori. L’unica differenza: bicchierino di cartone. E qualche passo in più per non stazionare proprio lì sulla porta. Ma in tutta onestà non posso proprio dire che sia una pesante mutilazione delle mie abitudini quotidiane.

La domanda è inevitabile. Una sola. Funzionerà questa zona rossa, anche se è solo rosa? Noi, qui, nel cuore di Lombardia, cioè dell’Italia chiusissima, speriamo ovviamente di sì. Ma è solo una speranza. Tra quindici giorni se ne riparla. Quelli che non finiscono in terapia intensiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.