ZOFF&BUFFON, GLI IMMORTALI AL TEMPO DI ZANIOLO

Roba di portieri. Dino ne compie ottanta, Gigione firma fino ai quarantasei.

Zoff e Buffon, cognomi tronchi di gente mondiale, storie diverse che mettono assieme due campioni esclusivi del nostro football, invaso da stranieri di ogni risma.

Zoff è leggenda, Buffon è cronaca forte, hanno difeso la porta della nazionale arrivando al titolo finale, il più importante, uno respingendo i tedeschi, l’altro togliendo il gusto ai francesi. Non hanno maglie, pur avendone indossate diverse, puro e duro il friulano che appartiene a un’epoca lontana e a una terra che forse è un’isola in un continente variegato.

Bello allora scrivere e narrare di due italiani patrimonio di un calcio che fugge e sfugge, tra tattiche e parole vuote di opinionisti a gettone e zatteranti del giornalismo da wikipedia.

Le notti di Madrid e Berlino sono state albe e mattine di un risveglio bellissimo.

Approfitto per segnalare la prima pagina della “Gazzetta”, dedicata a Zaniolo! Non il Napoli che sbanca l’Olimpico, non il Torino dell’editore che le busca ancora, non la Roma che strappa tre punti all’ultimo rigore, tutta roba marginale rispetto al mercato e alla propaganda pentole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.