UNA PARTE GIUSTA E UNA PARTE SBAGLIATA

di CRISTIANO GATTI – Da un po’ di anni, assieme all’anniversario, si rinnova il rito penoso del ma anche. Parlamentari, presidi di scuola, intellettuali da trattoria: va bene il 25 aprile, certo, la festa della liberazione, ma i morti si onorano tutti. Sui morti non si fanno differenze.

Ci impartiscono una lezione morale, esigono di ristabilire un’altra verità. La chiamano “tutta la verità”.

E allora, ancora una volta, conviene non lasciarla passare. A forza di farla passare, soprattutto i giovani rischiano di farsi strane idee. Brutte idee. Certe idee di una volta. Soprattutto con questi ragazzi, oggi, 25 aprile, è bene ribadire che se siamo qui a fare liberamente persino certe capziose discussioni è merito solo di quel 25 aprile. Di chi quel 25 aprile l’ha sognato, l’ha inseguito, la realizzato. Combattendo e morendo. Padri e nonni nostri che non hanno esitato a rinnegare la tranquilla e vantaggiosa sicurezza di abbassare la testa per provare a rialzarla. E andare dritti, rischiando sui grandi scenari della storia, ma anche nelle piccole vicende di borgata, persino la vita.

Ci dicono: una guerra civile. Ma non sta in piedi. Meglio presentarla per quello che è, senza perderci in mille strade laterali: una parte sbagliata ha costruito un mostro storico, uccidendo le libertà e gli ebrei, mentre una parte giusta, a un certo punto, ha cacciato la parte sbagliata e ha regalato all’Italia il bene supremo, più bello e più lieve dell’aria che respiriamo, la libertà.

Quelli che “i morti sono tutti uguali” ci dicono ogni volta che anche la parte giusta si è macchiata di crimini vergognosi. Giusto, vero. Bassezze spaventose, interessi e vendette personali mescolati ad alti ideali. Ma davanti a questa obiezione si risponde soltanto come ha risposto Giampaolo Pansa, il numero uno di noi giornalisti: raccontando per filo e per segno tutta la storia, comprese le sue deviazioni e le sue perversioni, senza nascondere niente.

Questa lealtà storica e civile, questo segno di giusta intelligenza, non devono però inquinare la verità limpida e trasparente: quella volta, quando l’Italia libera è nata una seconda volta, una parte era dalla parte giusta, l’altra parte era dalla parte sbagliata. Senza se e senza ma.

Se poi l’ultima obiezione è che diciamo così solo perchè la storia la scrivono i vincitori, in questo caso io mi schiero subito: stavolta è proprio meglio che l’abbiano scritta i vincitori. Quella che hanno scritto gli sconfitti, per un Ventennio, mi fa orrore.

Precedente LA FISSA DI MATTEO Successivo IL VIRUS DELLA CRUDELTA' IDIOTA SUI DISABILI

Un commento su “UNA PARTE GIUSTA E UNA PARTE SBAGLIATA

  1. giacomo il said:

    È sempre importante tornare ai fondamentali della storia altrimenti scivoliamo nel prossimo errore che poi sempre diventa orrore! ottimo Cris!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.