UN CALCIO DI INFETTI&INTOSSICATI

Che roba è diventato il calcio? Uno scempio di regole, malamente e ambiguamente applicate dagli arbitri, un caos di decisioni tra Var, Tar, Asl che hanno intossicato il gioco.

In quest’ultimo mezzo turno di campionato ho visto partite assurde, Udinese-Atalanta su tutte, nelle quali una squadra è stata richiamata in campo senza nemmeno un allenamento. Ho visto la Roma buscarne 4 e l’allenatore speciale dire di non essere abituato a gestire gruppi di tale basso profilo, ho visto Allegri scortato dalla security in tribuna all’Olimpico che qualcuno vorrebbe ribattezzare Paolo Rossi, ma meglio sarebbe intestarlo a un pregiudicato della banda della Magliana, ho visto Sarri parlare della liquidità della Lazio usando un sostantivo a lui molto caro che comporta due zeta e ho ripensato al fatto che lo stesso Sarri sia stato consulente finanziario del Monte dei Paschi, e dunque pensate un po’ in che mani mettiamo i nostri soldi.

Ho visto e letto un tweet di quel raffinato pensatore che porta il nome di Luca e non aggiungo il cognome che alle diciannove e quarantanove di domenica indirizzava questo concetto “malgrado l’immancabile aiuto sul rigoretto, stavolta i gobbi se la prendono nder posto, fa sempre piacere a tutti quelli che amano il calcio”.

Tutto ‘sta roba qui fa parte del nostro spettacolo o spezzatino calcistico ma, per non perdere l’abitudine, stasera si gioca e domani pure e mercoledì ancora, il popolo abbisogna di pallone altrimenti finisce come in Kazakistan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.