SULLA RAI ANCHE I CHE GUEVARA DI BOBOTV DIVENTANO CHIERICHETTI

L’adanificio della Rai smentisce lo stesso guru. “Vogliamo parlare del servilismo..”, era il loop di Adani Daniele, liquidato da Sky Sport e dunque avvelenato e pronto a criticare il sistema dei cortigiani. Tutto ok, ci può stare.

Però, approdato in Rai con la brigata della “Bobotv”, improvvisamente il rivoluzionario barbudo e gli altri della barricata si sono trasformati in pecorelle, non certamente smarrite ma ben retribuite da quei circensi che gestiscono l’emittente di Stato.

Mi sarei aspettato tuoni e fulmini, attacchi feroci ad allenatori e calciatori, alla Fifa, agli arbitri, con il linguaggio libero, da vincoli e dalla grammatica italiana. In un’altra vita, magari. Tengono famiglia pure loro, a quanto pare.

Ma Rai tira diritto, ha fatto scelte editoriali bizzarre, la direttora-direttrice del settore sport ha aggredito la Fifa per avere portato il mondiale in Qatar, dimenticando però che la stessa Rai ha versato soldi pubblici in numero di 170 milioni per usufruire in esclusiva dei diritti di trasmissione. Dunque è tutto in linea, la confusione regna sovrana. E non cambiate canale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.