SOGNARE CHE I VACCINI AI PAESI POVERI SIANO DAVVERO REGALATI

di JOHNNY RONCALLI – Ottanta milioni di dosi, il primo annuncio. Cinquecento milioni di dosi la versione attuale: questo il contributo degli Stati Uniti d’America in termini di vaccini a favore dei Paesi poveri.

Bel gesto, così pare.

Mal fidati e certo un poco ingenui, vorremmo solo sapere, avere la garanzia, la conferma che questo bel gesto nulla si aspetta in cambio, che questo bel gesto è una mano tesa in aiuto all’umanità.

Io sono certamente ingenuo e mal fidato e fatico a credere nell’America filantropa che negli anni nulla si aspetta come contropartita. Non risultano precedenti ad ogni modo e un pizzico di diffidenza sorge inevitabile.

Gli studiosi, gli statisti, ma anche al bar sport, sottolineeranno che è scontato, ci sarà un tornaconto, sia pure implicito, non dichiarato, non formalizzato e da definire nel tempo, magari sotto forma di accesso a materie prime o controlli territoriali.

Eppure sarebbe così semplice, edificante, possibile, per una volta, di fronte a un invisibile nemico comune, non contemplare interesse e convenienza. Così, da uomo a uomo.

Un modo forse c’è, un modo ingenuo e candido, forse infantile: urlare tutti in faccia agli Stati Uniti d’America che siamo senza parole per questa disponibilità e per questo disinteressato gesto, e sopra tutto per il fatto che sicuramente non nascondono alcun secondo fine.

Travolti da un’intenzione che tutto il mondo riconosce e che nemmeno loro sospettavano possibile, forse finiranno per crederci anche loro.

Anche gli Stati Uniti d’America nascondono un’anima sprovveduta e credulona, se si sono fidati di Trump: possono ben convincersi d aver regalato 500 milioni di vaccini a fondo perduto.

 

Precedente SE ALLA ROMA SERVE PURE MAURIZIO COSTANZO Successivo NON E' POI COSI' MALE ESSERE OUTSIDER

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.