SI TORNA AL BAR, SCOPA!

di TONY DAMASCELLI – Il piatto ha smesso di piangere. Scopa, scopa d’assi, scopa a quindici, a undici, ciapanò,  briscola, tressette, denari, coppe, spade, bastoni, fiori, picche, cuori, quadri, carte da gioco e giochi di carte, si torna a vivere e a radunarsi attorno al tavolo, mica tappeto verde e croupier e femmine sciantose, qui trattasi di bar, caffè, piola, locanda, osteria, privativa sali e tabacchi. Il locale recupera il significato antico, con i suoi odori e profumi, ritrovo di parole e di pensieri, di facce improbabili con quello che si portano appresso, vite stravissute, sigari toscani e nazionali col filtro, la gazzetta spalancata a due fogli, sul bancone frigo della coca o pepsi, il giornale locale con l’elenco dei morti, l’uovo sodo e gli stuzzicadenti, sanguinella, orzata, cedrata e tamarindo, sognano il riscatto delle minoranze, alla faccia dell’eppiauer. Chi spariglia? Chi balla una carta? Primiera e settebello. Finalmente, si potrebbe pensare e dire. Ma che dice il protocollo? Che cosa suggeriscono le linee guida? Mascherine e cambio frequente dei mazzi. Parte la bestemmia, frenata dal dispositivo facciale, un “càmadòi” (Brera Gianni) non si nega a nessuno, bei tempi quelli del libera tutti, per tutta una stagione lo stesso mazzo da quaranta di napoletane quasi accartocciate, il mezzo litro sfuso, la carta sbattuta a far tremare il tavolo e le sedie assieme, mormorii, segnali furbastri con la palpebra o il sopracciglio, scaramanzie, cambio del posto, giro al gabinetto con tiro dello sciacquone in diretta per tutto il quartiere, sfide diurne e notturne. Il governo ci restituisce vizi e virtù.

Riappaiono riviste e calendari nelle sale d’aspetto, dal barbiere, negli studi medici e affini, viene ripristinata l’edicola domestica, che offriva giornali straletti, risalenti allo sbarco sulla luna, con la prima pagina dedicata alle gemelle Kessler, stessa posizione in prima fila per il calendario dell’Arma o delle Fiamme Gialle; dirottati, nelle officine e autorimesse, quelli sconci di pin up tettute. E’ la vita, quella di prima, diciamo così. Se organizzo la coppia di mazzo, mi dimentico del virus. Scopa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.