SE SARRI PAGA E LA FERRARI NO

di TONY DAMASCELLI – Il football non è un gioco. E’ una roba assurda che licenzia quello che vince e conferma gli sconfitti. Prendi Sarri, quello che si scaccola e dice parolacce. Ha vinto, per la prima volta sua e non per la ditta bianconera, lo scudetto, ma lo hanno fatto accomodare alla porta di Mirafiori o Lingotto o della Continassa, il totale è analogo, fiattino, direi.

Gli altri, quelli arrivati secondi, terzi, quarti e seguire, vengono tutti confermati tra promesse e premesse e soprattutto, confronta “Corsera” o “Gazsport”, tra elogi e riverenze da miculpop.

Che roba è? E’ il football, appunto lo stesso che a Milano, sponda Inter, liquidò Simoni il giorno stesso in cui il Gigi riceveva a Coverciano il premio della Panchina d’oro.

In contemporanea, però, l’azienda torinese di riferimento della Juventus, Elkann and C., continua a prendere torte in faccia in formula 1, dove alla Ferrari danno il gas anche i diesel e i Velosolex. Eppure non accade nulla, non c’è un Sarri al quale tagliare la testa, non sente odore di olio bruciato, rumore sordo di pistoni andati e simili. Niente, anzi gli stessi giornali di cui sopra provvedono a spiegare, giustificare, la Ferrari è salva a prescindere, vince anche quando arriva ultima, confrontate i titoli, leggete i commenti, non troverete mai lo stesso cianuro vomitato contro Juve, Inter, Milan e altri della compagnia. Roba da non crederci ma roba vera.

Al prossimo gran premio, presumo Monza, con tutti gli annessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.