SE IL PROF E’ UNO SCARTO SOCIALE, E’ NORMALE PESTARE IL PROF

Prendo nota: un professore di Casavatore, paesello vicino a Napoli, viene preso a pugni e calci sotto casa da cinque energumeni per aver redarguito i suoi alunni di una prima media, e finisce all’ospedale.

Questo il dato, nudo e crudo. Siccome non ho la più pallida idea di dove si trovi, precisamente, questo ridente nido di civiltà e cultura, vado a tentoni e postulo che si tratti di uno di quei posti, di cui l’Hinterland partenopeo pare verzicare alquanto, e in cui, per dirla in breve, lo Stato latita un tantino. Questo, fuori dalla mielosa retorica alla “Io speriamo che me la cavo!”. E fuori anche dai patetici webinar sul bullismo, sulla narrazione di una scuola che esiste solo nelle menti bacate di certi mastri pensatori.

La scuola, oggi, è un distributore automatico di sciocchezze inutili: un posto dove un poverocristo, che, finalmente, trova una supplenza vicino casa, viene mandato all’ospedale, perché ha osato riprendere dei teppisti in erba, che facevano troppo casino. Ribadisco: di prima media! Vabbè, mi direte che non tutte le scuole sono così, che non tutti i genitori sono così e, soprattutto, che non tutta Italia è Casavatore: questo è vero, ringraziando il cielo.

Tuttavia, che la maleducazione di genitori e figli sia in preoccupante aumento ovunque è evidente, che la debolezza sociale e professionale degli insegnanti alimenti uno scarso rispetto della loro figura è altrettanto evidente; quindi, la soluzione è una ed una sola: innescare la retromarcia e operare un rapido e salutifero dietrofront. Oppure, rassegnarci: vedete un po’ voi. O restituiamo alla scuola un minimo di disciplina, disciplina militare intendo, dotando i docenti e i dirigenti di strumenti coercitivi credibili, oppure accettiamo che qualche genitore, ritenendosi offeso nelle proprie linee educative, prenda gli insenanti a tortorate. La qual cosa, paradossalmente, è figlia di un’idea che voleva essere civilissima: una scuola partecipata, assembleare, condivisa. Una scuola con genitori e bidelli che dicessero la loro sull’adozione dei libri di testo, per capirci. E’ magnifico, avrebbe commentato il tale, ma non è la guerra: questa scuola va bene per una puntata di Pippi Calzelunghe: ma, poi, c’è la realtà, malefica e guastafeste, di cui tener conto. E la realtà è che ordine, rispetto e perfino partecipazione, si ottengono con il principio di autorità: che deriva da quello di autorevolezza.

Se tu pensi di avere davanti un poveraccio, una specie di scarto sociale e culturale, ben difficilmente lo rispetterai: e, se sei un guappo, borioso e arrogante, può pure darsi che lo gonfi di botte, se ha dato dell’asino a un figlio che è la tua immagine fallimentare.

Quindi, è sulla catena di comando che si dovrebbe lavorare. E qui mi scappa da ridere: dirigenti pavidi, professori terrorizzati, studenti asini e prevenuti. Mica male come punto di partenza.

Però, ci si può provare: nominatemi Ministro della Pubblica istruzione al posto di – com’è che si chiama? -Bianchi. E vi faccio vedere io come si fa. Per prima cosa, calo a razzo a Casavatore, che si riuscirà pure a trovare su Google Maps, a ridiscutere la faccenda con quei cinque gentiluomini. Magari, anzi, mi porto quattro amici…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.