SCUSA AMERI, NON SANNO QUELLO CHE DICONO

di TONY DAMASCELLI – L’assenza di pubblico negli stadi ha conseguenze assai drammatiche: siamo costretti a subire la presenza dei telecronisti e delle loro seconde voci, ex calciatori e simili.

Ecco dunque che il silenzio dei tifosi viene riempito dall’eloquio di un Pardo che si esercita nell’utilizzo di frasi imperiose e imperiali “E’ la notte del calcio, è la grande notte di San Siro, è la notte di Inter-Benevento!”.

E ancora: “Il Benevento è primatista delle squadre che hanno subìto più gol nella prima mezzora”.

Non felice di tali epici annunci, ha voluto esaltarsi nel racconto finale di Genoa-Napoli: “Mancano duecentocinquantaquattro secondi alla fine”, con gli attori in campo nella parte imprevista di dead-men walking.

Pardo è un eccellente cronista di football, si è ormai galeazzizzato e sembra destinato a uguale carriera, pur non avendo frequentato, come Bisteccone, lo sport vero di sofferenza, canottaggio intendo, e il marciapiede delle cronache, tra bordo campo e spogliatoio.

No, oggi si nasce subito imparati, come Caressa, che spiega ogni volta l’asterisco del piede, del labiale, della strizzatina d’occhi, del sussurro, del the caldo, dell’”immersione” per sbirciare e origliare le parole in campo.

Al loro fianco sfilano giganti del calcio che fu, direi Tiribocchi di cui si conosce l’esperienza internazionale, o Adani che parla come giocava, farfugliando un italiano e una grammatica che con la quale e senza la quale rimani tale e quale.

Il calcio in tivvù ha cancellato la fantasia della radio, Ameri e Ciotti sono cimeli da museo della preistoria, il loro lessico, il loro ritmo, la loro preparazione (non nei numeri) non servirebbe a nulla contro i figli di wikipedia. Il teatro contemporaneo vive di fiction, come gli speaker degli stadi che continuano a strillare i cognomi e i nomi dei calciatori sostituiti, forse rivolgendosi agli inquilini del quartiere.

E’ uno spettacolo bellissimo, è il calcio del Covid, è il football del nuovo giornalismo, è lo spazio occupato dagli ex calciatori che, come i costruttori, i responsabili, i voltagabbana della politica, hanno dimenticato gli insulti e gli sputi indirizzati alla stampa e vestono gli abiti dei critici (ma dove?) a pagamento.

Ovviamente, come nelle migliori farse, si replica. A ripetizione, a spalti deserti.

Precedente CI TOCCA PURE TELENUNZIA, A SPESE NOSTRE Successivo LA NATURA SPOMPATA (DA NOI)

Un commento su “SCUSA AMERI, NON SANNO QUELLO CHE DICONO

  1. Fabio Alberti il said:

    Non mi piace il sermone che mette in ridicolo tutto il mondo delle parole calcistico/televisive, possono non piacere i vari commentatori citati ma biasimare che questi facciamo il loro lavoro mi sembra eccessivo.
    Personalmente in alcuni momenti anch’io abbasso a zero l’audio ma quale è la differenza col passato? Forse solo che si era più giovani. Trovo invece che i vari Adani Ambrosini o Tiribocchi almeno cerchino di trasmetterci una visione dell’evento con una percezione che sia solo quella classica da divano.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.