SANREMO E’… ALBERGHI CON LA RAGNATELA, TARIFFE QUINTUPLICATE

Ci risiamo con i mille. Non c’entra Peppino Garibaldi, ma ripenso ai mille e nove che per giorni e sere sei si sono occupati dell’elezione presidenziale.

Stavolta trattasi dei mille della giuria popolare, demoscopica, insomma quella roba lì che dovrà votare e scegliere i brani giusti del Festival. Le scadenze sono analoghe a quelle appena vissute, si parte di martedì anche se già oggi, lunedì, il circo ha annunciato tutte le bestie e i saltimbanchi sotto lo chapiteau, e si va avanti fino a sabato notte.

La maratona Amadeus è pronta a okkupare ogni momento del palinsesto, con ospiti vari, alcuni avariati, ma la Rai e le altre emittenti ospitano la qualunque purché si parli di omicidi e canzoni, tutto quello che titilla l’interesse morboso del popolo pubblico.

Effettivamente Sanremo é Sanremo perché non c’è altro di uguale, analogo, simile, c’erano una volta il Cantagiro e Castrocaro, il Festivalbar, roba che teneva in vita ogni tipo di artista e lo rendeva itinerante, come un santo pellegrino, per i paesi e i borghi. Sanremo è fisso, stabile, stanziale, è un teatro che vive le sue serate per poi scomparire dalle scene nazionali, è una città che a parte il Casinò che altro sa offrire, anzi ve lo dico io per esperienza diretta: alberghi con ragnatela, reduci e sopravvissuti ma con prezzi volgari, cinque volte rispetto alle tariffe reintrodotte a festival finito, ristoranti con menù che vanno letti in stile arabo, da destra a sinistra tanto sono lievitati i prezzi della spigola e contorno e le trofie con pesto, fagiolini e patate, non dico poi dei vini che nemmeno a Dubai dove l’alcool non è previsto dalla religione locale.

Appunto Sanremo è una religione, un rito, una messa pagana, un appuntamento che coinvolge dodici e più milioni di persone ogni sera e coinvolge la Rai con tutti i suoi effettivi, dal presidente all’amministratore delegato ai capistruttura, agli artisti vari tutti in prima fila per l’inquadratura doverosa e alle loro spalle il pubblico che mostra pellicce ecologiche e gioielli falsi, ma tutto brilla, tutto sberluccica per farsi riconoscere.

Pronti, sì, siamo pronti a sbirciare o proprio vedere con attenzione. Anche quelli che fanno finta di vivere a Capalbio ma sono già a Ospedaletti, i No San sono dietro la prima curva. In fondo, dopo tanto scempio, abbiamo bisogno di un bel cinque dosi. Fate il vostro gioco. Domani si parte, si sa per dove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.