QUALCUNO SPENGA RENZI

di CRISTIANO GATTI – I renziani incombono, pressano, tampinano: “Forza, cosa aspettiamo, riapriamo le fabbriche. Non possiamo pensare di vivere rinchiusi per sempre”.

E chi ha detto per sempre, tanto per cominciare. S’è detto, con tardivo buonsenso, riapriamo non appena abbiamo salvato la pelle. E’ diverso.

E comunque. Caro Renzi, cari renziani, cari renzini: noi qui in Lombardia, soprattutto a Bergamo, abbiamo già sbagliato all’inizio, prima, proprio in nome e per conto di questo valore supremo della fabbrica aperta. Non sarete voi a farci sbagliare una seconda volta. Questa, davvero, sarebbe diabolica e imperdonabile.

Per fortuna, a zittirvi ci sta pensando gente almeno un pelo più responsabile di voi, nella stessa area democratica: come Calenda, come Zingaretti. Con garbo, senza berciare, vi hanno rispediti al mittente, tra gli incoscienti come Trump e come Johnson, in fondo.

Ma Renzi, i renziani, i renzini, dopo tutto vanno capiti: tutti i giorni si alzano con lo stesso problema angosciante, trovare un senso alla propria diversità, a qualunque costo, in qualunque modo. In definitiva, la loro è una lotta senza quartiere, disperata, per la sopravvivenza politica. Ci sta. Ma non adesso. Non vengano a farlo sulla nostra pelle, di noi tutti che ancora stiamo lottando per la semplice sopravvivenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.