PICCONATE ALLA POESIA DI SAN SIRO

di TONY DAMASCELLI – Massì, abbattiamo ‘sto mostro di San Siro Meazza. Buttiamolo giù, con tutto quel cemento o quell’acciaio o quel vetrame che si porta appresso dal millenovecentoventisei. Roba inutile, superflua, di nessun valore culturale, così hanno sentenziato i membri, chiedo scusa per il sostantivo ambiguo, della Commissione regionale per il patrimonio culturale della regionale Lombardia. E forse il problema sta già tutto qui, all’origine: chiedere di giudicare San Siro agli esperti d’arte. San Siro non è monumento e architettura, caso mai è poesia.

E, tanto per incominciare, gli stessi membri, insieme con l’astuto sindaco Sala che aveva presentato la richiesta, informino i signori del Times, giornale di Londra, che meno di una ventina di anni definirono San Siro il secondo stadio più bello al mondo. E mica è finita qui, perché quegli ignoranti della Camera di Commercio e dell’Università degli Studi di Milano, nell’anno duemila e quattordici, si azzardarono a dire che lo stadio in questione è uno dei simboli della città, con il Duomo e la Triennale.

Capre, capre, non avevano capito che sarebbero stati smentiti da chi ha, invece, il polso della situazione, da chi ha capito che non c’è più tempo e spazio per questi monumenti al nulla. Il football? Roba da popolino, anche se poi c’è la tribuna autorità con tutto il pellicciame vario.

Novantaquattro anni di storia buttati nel cesso da qualche riga che chiude l’argomento e si dedica alla costruzione di un nuovo stadio, questa è la furbata, questa è la fregatura, altroché la commissione regionale per il patrimonio, qui si tratta di accontentare architetti, geometri, ditte specializzate, varie ed eventuali, roba buona del Paese e di Milano.

Non escluderei che, prossimamente su questi schermi, possa toccare anche al Duomo e alla Triennale, così da completare l’opera e dedicarsi, corpo, senza l’anima, alla Citylife, quella sì che è pregna di cultura.

Che altro aggiungere? Ma un’idea l’avrei pure: perché non abbattere per prima la commissione di cui sopra? Pensate forse che abbia un valore culturale, con tutti i membri appresso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.