MASSACRATE PURE, MA FATELO CON PAROLE GARBATE

Stiamo scoprendo che la guerra deve essere molto educativa. Tra le altre cose, deve insegnare le buone maniere. In qualche modo, è la riedizione post-moderna del bada come parli. Sconquassano città, stuprano donne, demoliscono ospedali, deportano bambini, uccidono facendo il tiro al piccione nei villaggi: niente, tutto questo non conta tantissimo, se è vero che poi si dà molto più peso alle parole. E va bene che le parole possono essere pietre, ma resterebbe sempre una certa differenza, tra una parola e una granata.

In pochi giorni, i monsignor Della Casa di questo surreale galateo bellico ci hanno severamente insegnato che ad esempio un presidente degli Stati Uniti non può dire cose del tipo il presidente della Russia è un macellaio, tanto meno se lo è. Non importa che lo sia o no: non bisogna dirlo perchè magari se la prende e diventa ancora più macellaio.

Di più: un presidente degli Stati Uniti deve imparare a non dire impunemente che un presidente della Russia sta operando un genocidio, mai e poi mai. Può succedere di urtare la suscettibilità di questo stesso leader russo, lui così attento al linguaggio e al fair-play, così che poi magari si mette a lanciare bombe e missili. Cosa che invece non fa mai, perchè è un mite pacifista, come indole. E difatti, quando nessuno gli dà del macellaio e lo tratta con tutti i riguardi, si vede quant’è docile e mansueto. Un pezzo di pane.

E’ chiarito: il problema vero è il lessico, non il bombardamento. Tant’è vero che per moltissimi il criminale è Biden, non Putin. E se non è criminale, è un vecchio rimbambito in preda a demenza senile, chiaramente incapace ormai di autocontrollo.

A insegnare le regole minime di garbo internazionale è Macron, che come francese è maestro di maniere e manierismi, diciamo sommariamente di forma e formalismi. Ma non solo. Lo dicono persino i cinesi, occhio Biden, non alimentare l’escalation delle parole, e se lo dicono i cinesi, noti per il rispetto sacro nei confronti delle libertà individuali, bisogna mettersi sull’attenti. Hai visto mai che si accigli pure l’occhio a mandorla.

Allora, ricapitolando: massacratevi pure, ma andateci piano con le parole. Le parole possono avere conseguenze devastanti, le invasioni a colpi di carrarmato no.

Se finalmente riusciremo a imparare queste elementari regole di comportamento, tutto andrà per il meglio. Ne usciremo migliori. Bisogna essere educati, mentre scorre il sangue degli innocenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.