MA SENZA INTERCETTAZIONI, L’ESAME ERA SERIO?

di CRISTIANO GATTI – E’ dall’inizio del penoso caso-Suarez che mi ronza in testa una domanda, come un tarlo fetente e fastidioso, sperando comunque non ronzi soltanto a me. Più passano i giorni, più si aprono scenari squallidi, più gli investigatori predicano di non avere fretta, più mi sento chiedere dal mio io italiano e cittadino comune: scusa, ma se questa faccenda non saltava fuori per puro caso, grazie a intercettazioni avviate per tutt’altra indagine, voialtri in questo Paese avreste considerato serio, rispettabile, attendibile quell’esame, fatto a quel modo? Dico: dieci minuti con Suarez che balbetta ridicolo due parole in croce, Don Lurio al confronto accademico della Crusca, dico e ripeto, un esame del genere sarebbe finito tra le cose serie e ufficiali dell’Italia, con tanto di un giocatore uruguagio – ascendente cannibale – proclamato italiano verace?

Personalmente sono molto in imbarazzo, con questo mio io così pignolo. Però tutti sappiamo che la risposta è quella contenuta nella sua domanda retorica: sì, senza le intercettazioni casuali e senza l’esplosione dello scandalo, quell’esame ridicolo comunque sarebbe risultato esame a tutti gli effetti.

Allora, ci chiediamo, io e l’altro io: dopo aver sistemato Suarez e i suoi servili esaminatori, non sarebbe il caso di risistemare anche l’esame stesso, preso in sé, restituendogli la dignità che richiede e che merita? Per noi italiani, prima di tutto. Ma anche per tutti gli stranieri che sognano di diventare italiani, evitando loro almeno il dubbio più umiliante: l’idea di una cittadinanza non tanto da costruire e meritare, ma semplicemente da scroccare. In qualche modo, con un tarocco. All’italiana, diremmo noi con cittadinanza.

Un pensiero su “MA SENZA INTERCETTAZIONI, L’ESAME ERA SERIO?

  1. Fiorenzo Alessi dice:

    Egr. Dott. Cristiano Gatti,

    La riflessione a proposito del suo Altropensiero si risolve in una domanda , riprendendo pari pari sue parole : trascurando l’esame in questione del bipede che da’ calci ad un pallone , azzannando più che esprimendosi in una qualche lingua conosciuta, nel nostro strampalato Paese c’è qualche altra e più rilevante cosuccia alla quale va restituita “..la dignità che richiede e
    che merita” ?
    Io dico di sì. Ma l’elenco non sarebbe breve. Purtroppo.
    Cordialità.
    Fiorenzo Alessi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.