L’OLANDA E QUELLE TRADUZIONI FRUGALI

di TONY DAMASCELLI – Mi aspettavo di tutto: il Paese degli spinelli e dei mulini a vento, la terra dei tulipani e dei grandi pittori, le città delle biciclette e della vacca frisona. Ma che l’Olanda fosse anche frugale, no. Per favore, quell’aggettivo è il tormentone estivo, sta provocando emicranie e acidità di stomaco. Forse quelli di Amsterdam o di Rotterdam mangiano pane e cipolle? Forse le loro abitudini a tavola sono così cambiate che i pasti sono frugali e basta, limitandosi alle salsicce e alle patate fritte?

Ma no, trattasi di una traduzione libera, un po’ disinvolta, dell’inglese “frugal” che, appunto, per chi ha voluto traslocarlo nella lingua italiana, è rimasto tale e quale, mentre nel significato anglosassone sta per parsimonioso, dunque prudente, risparmiatore e si sa che quelli dei Paesi Bassi lo sono per natura, marinai con le tasche gonfie ma attenti a non spendere, eventualmente a farsi invitare.

Le traduzioni dall’inglese o da altre lingue sono una trappola pericolosissima. Per esempio proprio gli inglesi e gli americani hanno tradotto, di impulso, il nostro formaggio pecorino con un improbabile “doggy style” che è roba pornografica perché risulta il diminutivo della pecora medesima e vi lascio immaginare la reazione delle casalinghe made in Italy emigrate a New York o a Londra e quella eccitata dei loro consorti. Come Beautiful Country (Belpaese), il Little Tired (stracchino) e Horse Cheese (caciocavallo).

Un ricordo personale, mondiale di Italia ‘90, incontro con il gruppo di interpreti destinati alle conferenze stampa delle varie delegazioni, allenatori, calciatori e dirigenti. Nessun problema dinanzi ai termini calcistici, portiere, difensore, centrocampisti, calcio d’angolo, rigore, fallo laterale ma quando spuntò, dopo un Belgio-Inghilterra, la domanda sul battitore libero che in inglese viene definito “sweeper”, cioè colui il quale spazza l’area di rigore, l’interprete tradusse “lo scopatore” rivelando, a sua insaputa e dello stesso calciatore, virtù e birichinate private. Aggiungo un “sensible” che viene puntualmente abbinato a obiettivo ma significa potenziale e non sensibile che fa già ridere di suo perché non ha significato, o exciting che viene tradotto come eccitante invece che emozionante e siamo di nuovo nel campo erotico e affini.

Comunque occhio a non chiedere un bicchiere di menta, traducendo, a braccio, “a glass of lies”. Lies è plurale di lie, dunque il barista potrebbe domandarvi perché mai vogliate un bicchiere di bugie. Forse perché avete deciso di essere frugali?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.