L’ITALIA IN BICI E SENZA ROTELLE

di TONY DAMASCELLI – Nel calendario UCI, appena messo in circolazione, non è previsto il giro d’Italia in mascherina, kermesse che vede in testa, a tirare il gruppo, Colao Vittorio from London, seguito a ruota da Sala Giuseppe e Appendino Chiara, due outsiders che però hanno approfittato della distrazione degli altri corridori, per tentare la fuga a tre.

L’idea del “task force chief” è quella che gli italiani debbano inforcare la bicicletta, svuotare torpedoni, tram, treni, metropolitane, per debellare ogni contagio da assembramento. Buona l’idea, ma.

Per i sindaci di cui sopra, a Milano e Torino, nei siti di piazza della Scala e piazza del Palazzo di Città, si fa in fretta, il velocipede brilla per il suo fascino vintage, ha cestino in vimini travestito da fioriera, con foularino appresso, ovviamente Hermes o giù di lì, eventuale minisegugio, Volpino di Pomerania ai massimi, di razza pura, al quale è stato dato nome di uomo o di donna, Andrea è bisex,  reduce, il cagnolino, dall’allevamento, di razza pure quello, bottiglietta d’acqua in caso di arsura improvvisa, borsetta porta attrezzi in pelle odorosa, con le iniziali del titolare del ciclomezzo.

Voilà, così si deve vivere e così si deve pedalare: all’alba il plotone di carpentieri, manovali, operai/e, impiegate/i, scoprirebbero il piacere perverso, così devono fare, lasciando deserti i vagoni puzzolenti dei pendolari e anche i bus, via nella canicola estiva o nell’aria umida autunnale, via, zigzagando tra le buche e le rare autovetture e motociclette, la vita è bella, la città e le fabbriche aspettano il plotone, mentre i piazzali dei parcheggi resteranno vuoti, ci sarà la grande bellezza delle biciclette messe in fila come in piazza Dam ad Amsterdam.

Thank you mister Colao e grassie sciur Sala e madamima Appendino, viva l’Italia su due ruote. E senza rotelle.

Precedente MASCHERINE, VERGOGNA IN FARMACIA Successivo CARO MAGRI, TI DICO CHI ERA (DAVVERO) CHAPLIN

Un commento su “L’ITALIA IN BICI E SENZA ROTELLE

  1. Fiorenzo Alessi il said:

    Egr. Dott. Tony Damascelli,
    l’invidia è una brutta bestia, ma anche un formidabile propellente .
    Non l’invidia come vizio capitale , ma intesa come stimolo ad emulare positive condotte, e magari a fare ancora meglio.
    In tal senso, ho la netta sensazione che lei sia invidioso di conclamati ed autorevoli ciclofili, che corrispondono alle prestigiose firme di GATTI Cristiano , COSTA Angelo e STAGI PIER Augusto.
    Tutto ‘sto panegirico per la sua ITALIA IN BICI , che condivido …invidiosamente.
    Non foss’altro per quell’accenno alla MANCANZA DI ROTELLE che , come può malignamente presumersi , non ritengo riferito ad accessori meccanici del cd. cavallo d’acciaio.
    Un Tizio (di cui da male assoluto va a finire che se ne rimpiangerà l’acume, non solo politico) diceva che a pensar male si fa peccato , ma spesso ci s’indovina.
    Ecco , in tempi in cui si richiede un eccellente funzionamento delle ROTELLE di cui lei credo parli anche ad evitare , cambiando ovviamente sport, un fastidioso giramento di PALLE, è un vero peccato dover prendere atto di come sulla bicicletta si possano avere certe “pensate”.
    A questo proposito e giunto a tal punto, visto che ormai ne ho dato conto, provo INVIDIA anche per un soggetto (cinematografico) come il Rag . FANTOZZI : forse ricordo male, ma prospettare l’ …inforcare quotidianamente la bici , generizzandole l’utilizzo altresì come una sorta di panacea anti-Covid19 , sarebbe stata battezzata come “..una cagata pazzesca” . FANTOZZI dixit, con annessa e scriminante licenza artistica .
    A preventivo baluardo di un uso censoreo o, peggio, circa una insussistente finalità denigratoria da parte delle ROTELLE di cui sopra.
    Cordialmente.
    Fiorenzo Alessi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.