L’INFERNO COVID NEL PARADISO DI IBIZA

di LUCA SERAFINI – L’arcipelago felice adesso sgrana gli occhi e trema: le isole Baleari, che per molti mesi del 2020 avevano registrato poco meno della metà dei contagiati rispetto alla percentuale nazionale spagnola (4,40 contro l’8,90%) e in generale erano tra i luoghi al mondo meno colpiti dal Coronavirus in termini di contagi e decessi, hanno subìto un picco preoccupante dopo le feste natalizie, in particolare nell’ultima settimana. Il quotidiano “El Paìs” rivela di una situazione fuori controllo: a Maiorca il 49% dei contagiati è ricoverato in terapia intensiva.

Se da una parte è vero che gli spostamenti – per lo più in territorio iberico – tra Natale e l’Epifania possono aver contribuito in maniera significativa all’estensione della pandemia, dall’altra sono aumentati i tamponi gratuiti. L’allarme rosso è scattato anche a Ibiza in queste ore, con il decesso di un trentenne nell’ospedale di Can Misses, dopo che il numero dei contagiati è schizzato a 400 in un solo giorno: attualmente i casi attivi sfiorano le 3000 unità.

Sono scattate da giorni (fino a fine mese) restrizioni drastiche che prevedono coprifuoco per tutti alle 22, apertura di soli supermercati, farmacie e negozi di abbigliamento, spostamenti solo per accertati motivi di salute o di lavoro. Nei grandi centri di utensileria, materiale edile, forniture domestiche e per attività commerciali, le code si fanno esclusivamente all’esterno dei capannoni, dove pure vengono evasi gli ordini: arriva il commesso, annota le richieste sul palmare e torna poco (o molto) dopo con i prodotti.
I residenti italiani (l’etnia più numerosa, seguita da tedeschi, francesi e olandesi, in tutto circa un quarto della popolazione), in particolare i gestori di attività, sono in ginocchio e molti hanno chiuso baracca.
A Ibiza in settimana un lunghissimo corteo di esercenti (di tutte le nazionalità, compresi gli spagnoli) ha protestato attraversando il centro della città, suonando i clacson delle circa 150 automobili in corteo ed esibendo cartelli contro il governo locale. La recentissima ABRE (Asociaciòn Bar y Resaturantes Eivissa) chiede aiuti immediati tra i 3000 e i 12000 euro per la categoria. “Non si discutono le restrizioni”, ci ha detto un esercente italiano al telefono, “ma l’assoluta mancanza di aiuti o agevolazioni da parte dello Stato. Non solo non vengono soppresse o prorogate le scadenze fiscali, ma addirittura da gennaio sono aumentati luce e gas tra il 5 e il 10%. Noi con quel poco movimento di clientela locale e con il delivery, siamo riusciti a salvare le penne fino a novembre, ma adesso la situazione è disastrosa, senza entrate e carichi di spese fisse. Sono stato personalmente in una delle vie più importanti del centro, Calle de mig (“Strada di mezzo”), parallela al vecchio porto, e sulle saracinesche ho contato 62 cartelli di cessione di attività. E’ una via di 500 metri, non di più”.

Il viceconsole italiano di Ibiza e Formentera, Lanfranco Fabbro, che vive alle Baleari da più di 30 anni, fa un riassunto realista della situazione: “Al momento non mi risulta che abbiano chiuso i battenti più esercenti rispetto al solito. Tieni presente che in condizioni normali, il 70% degli italiani che avviano un’attività a Ibiza e Formentera falliscono già il primo anno, molti dei quali senza nemmeno arrivare a fine stagione. Troppa improvvisazione, troppo pressapochismo. Quelli che fanno le cose per bene adesso sono in vacanza, come sempre tra gennaio e febbraio. Non discuto le ragioni dei manifestanti di questi giorni, è vero però che troppa gente a Ibiza si è comportata in maniera irresponsabile in questo periodo: le feste in villa sono state numerosissime, per esempio, dunque le restrizioni drastiche erano inevitabili. I numeri stanno diventando molto, molto preoccupanti”.

Segnaliamo un sito costantemente aggiornato sulla situazione Covid nelle isole dove vivono più di 20.000 italiani, circa 6.000 tra Ibiza e Formentera: “yourformentera.es”.

Nel frattempo il Covid si è portato via un pezzo della storia mondana di quest’isola tanto cara agli italiani. Durante le Feste, a San Paolo è morto Brasilio De Oliveira, 74 anni, fondatore della festa gay più famosa del mondo (“La Troya”), che per decenni ha attirato decine di migliaia di persone, migrando tra i locali notturni più famosi: Ku, Privilege, Amnesia, Space, Pacha, Hearth. De Oliveira era stato anche il mattatore del famosissimo “Diva” di Roma, nei pressi di via Veneto.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.