LE NOSTRE ANIME BELLE CHE ASSOCIANO PUTIN A HITLER, MA SAREBBE NIPOTINO DI STALIN

Immagini di donne ucraine. Avvolte da scialli e sciarpe, segnate dallo strazio. Cameriere, badanti, ma non ho visto nessuna amante se dovessi seguire la lectio magistralis dei grandi pensatori della nuova sinistra italiana, Annunziata Lucia e Di Bella Antonio, beccati con il var del fuorionda, ma immediatamente rimessi tra cristalli e argenti perché con loro non si può, non si fa, sono bravi, buoni, intelligenti, incorruttibili.

Immagini di bambine che cantano “All’alba sorgerò” del cartone animato Frozen, e ripenso a nipoti e figli nostri che vivono nel loro luna park e osservano quella guerra come fosse un film, ma prendono a pensare, domandano, chiedono: ma la Russia non è gigantesca? Perché allora vuole ancora di più?

E’ il candore dell’innocenza che guarda e non capisce, a differenza degli opinionisti di cui sopra che hanno capito tutto, ma stanno zitti piuttosto che ammettere le colpe di quell’ideologia, di quello che ha prodotto, di dove è arrivata, proibito pronunciare il sostantivo comunismo e l’aggettivo comunista, proprio non ce la fanno, più facile accostare Putin a Hitler e dunque disegnare i baffetti del fetente austrotedesco, mentre a voler per forza semplificare dovrebbe essere più naturale e immediato infoltire il mustacchio, verrebbe fuori Giuseppone Stalin, uno che di invasioni aveva il copyright (non a caso nel suo delirio Putin parla di “denazificare l’Ucraina”). Ma anche Stalin fa parte di una storia messa frettolosamente da parte come le volgarità dell’Annunziata e del Di Bella, anime candide che al massimo dovrebbero intonare, a differenza di quella creaturina di Kiev, il loro “Belli Ciao, con le mani, con le gambe, con…, ciao ciao”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.