L’ABOMINEVOLE DEPUTATO DEUTSCH CHE ESULTA PER LA MORTE DEL “MAIALE SASSOLI”

I tedeschi hanno l’Oktoberfest. Ma anche Costantin Nicolaus Johannes Fest.

Il primo è un evento popolare durante il quale si trangugiano ettolitri di birra, divorando salsicce e crauti e stinchi di maiale. Dopo sedici giorni di fest, i bavaresi alzano le mani e si arrendono, provvedendo alla bonifica di stube e latrine relative.

Il secondo è un sessantenne deputato europeo, nato ad Amburgo, giornalista già della “Bild”, noto alle cronache per gli apprezzamenti rivolti a frau Angela Merkel (“Deve essere uccisa”) e per avere definito i migranti come marmaglia, aggiungendo anche che l’Islam è paragonabile al nazismo.

Herr Fest ha voluto esprimere il suo pensiero anche sulla scomparsa di David Sassoli: “Finalmente questo sporco maiale se ne è andato”.

In contemporanea avevamo letto la notizia del primo trapianto del cuore di un maiale in un paziente umano, David Bennett, di anni 57. Herr Fest ha però confermato come possano circolare regolarmente maiali con il cuore di un uomo.

C’è un sostantivo tedesco (Schadenfreude) che spiega benissimo l’identikit del deputato giornalista, dunque la gioia maligna del dolore altrui, un piacere che, secondo alcuni psicologi, manifesta il senso di inferiorità in se stessi che così viene scaricato in tale compiacimento per le disgrazie altrui.

Ma forse non mi sembra il caso di buttarla giù dura, Nicolaus Fest è libero di pensarla e di dirla come vuole, David Sassoli non ha vissuto e lavorato per lui, pur essendo presidente del parlamento europeo, di cui il nostro caro Nick fa parte. Basterebbe inviare la sua foto segnaletica a tutte le località turistiche italiane, specialmente quelle della riviera romagnola o del lago di Garda, frequentate dai tedeschi di Germania, in modo da poterlo accoglierlo a braccia aperte. Per poi improvvisamente richiuderle, in una stretta finale, molto stretta. Heil Fest.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.