LA VERGOGNA NELLE MERAVIGLIE DEL BORGO

Non servono molte parole. Quando si dice la tutela del nostro patrimonio, il rispetto per la storia e la tradizione, eccetera eccetera. Ecco un esempio intollerabile di intervento in un luogo che dovrebbe essere intoccabile.

Arnosto, alta Valle Imagna, provincia di Bergamo. Un borgo antichissimo che conserva le case, i laboratori, le atmosfere immutabili dei secoli passati. Un’autentica perla. Una bomboniera che non ha il sigillo dell’Unesco, ma che resta sicuramente patrimonio dell’umanità.

Eppure, gli amministratori locali sono riusciti a intervenire nel modo che si vede. Un modo che meriterebbe una sollevazione popolare.

Ogni parola è davvero superflua. Resta solo lo sgomento. E la rabbia di @ltroPensiero.

Precedente QUANT'E' FRIGNONE CONTE Successivo BEATO IL POPOLO CHE NON HA BISOGNO DI MIRACOLI

Un commento su “LA VERGOGNA NELLE MERAVIGLIE DEL BORGO

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.