LA SUBLIME LEZIONE IN DAD DEL PROF SOLDATO

In tempo di guerra – e siamo in tempo di guerra – ognuno di noi deve, o dovrebbe, raccogliere le parole e le storie come fa il cercatore di funghi, ovvero mettendo a frutto esperienza ed intelligenza per evitare che nel canestro finisca robaccia velenosa. Il rischio è altissimo: le bordate della propaganda sono quasi altrettanto fragorose di quelle vere. In più, in questi anni di progressivo deterioramento del giudizio, ormai scambiamo l’opinione per partigianeria: su qualunque questione – dall’Ucraina ai vaccini, dall’Eurovision al centrocampo del Sassuolo – raccogliamo senza troppo discernimento ciò che a prima vista fa comodo alla nostra causa e nuoce a quella degli avversari.

Per questa ragione, parole e storie che arrivano dalla guerra andrebbero sempre considerate con attenzione, specie quando sembrano fare troppo il gioco di una parte sull’altra. Personalmente, non ho dubbi su chi abbia torto e chi ragione in questo conflitto, ma il gioco della propaganda è comune ai due schieramenti e bisognerebbe tenersene alla larga.

Ciò detto, qualche volta i tanto vituperati giornalisti fanno il loro lavoro e riportano dal fronte storie che meritano attenzione incondizionata. Come quella raccontata nei giorni scorsi da “Repubblica” con un’intervista di Fabio Tonacci a Fedor Fedorovic Shandor, insegnante ucraino di 47 anni attualmente al fronte nel Donbass con la divisa del 68° battaglione della Brigata di difesa territoriale dei Carpazi. Il reparto per cui combatte è l’unico elemento venuto a nostra conoscenza del suo curriculum militare; i titoli accademici, invece, sono un poco più nitidi: Shandor conta su due lauree (Filosofia e Sociologia) e ha pubblicato una decina di libri su turismo e scienze sociali. Come si vede, il suo percorso professionale non è ancora approdato al fondamentale Osservatorio della Luiss ma, insomma, accontentiamoci.

Il 24 febbraio scorso, all’allarme per l’invasione russa, il professor Shandor è andato all’Università, ha tenuto i tre corsi in programma, e si è infine presentato all’ufficio militare più vicino. Da giacca e cravatta, uniforme del “prof”, è passato alla mimetica, ma non per questo ha abbandonato l’insegnamento. Da allora, tiene le sue lezioni online, collegandosi dalla trincea, dalla foresta, da qualunque luogo la guerra lo costringa: il teatro della battaglia diventa aula, il fronte si fa ateneo.

Così, nel luogo in cui l’umanità finisce e incomincia la barbarie sgorga una sorgente di cultura. “Gli allievi si stupiscono di vedermi in una foresta, vestito da soldato: allora dico loro che sono lì per difenderli”. Al giornalista di “Repubblica”, collegato via Skype, spiega: “Cito il vostro Garibaldi. Lui a chi lo fermava per strada diceva: ‘Vado per l’Italia’. Io dico: ‘Vado per l’Ucraina’”. Un accorato, e anche abile, appello alla sensibilità italiana: sarà meglio, però, tacere al professore il fatto che Garibaldi, ridotto a sagoma di bronzo, da noi nessuno lo ferma più per strada e a dedicagli costante attenzione sono soltanto i piccioni incontinenti.

Il professor Shandor crede nella sua missione e ha poca voglia di scherzare: “L’istruzione è la prima cosa, senza di essa non si diventa homo sapiens. Quelli che non hanno istruzione si ritrovano a scavare nell’area radioattiva di Chernobyl, oppure lanciano missili su un teatro pieno di sfollati, oppure, ancora, compiono i crimini di Bucha”.

C’è una foto che lo ritrae in trincea. Il mitra a tracolla, un quaderno di appunti a portata di mano e gli occhi allo schermo del telefonino, così da poter vigilare sui suoi allievi: “Controllo che non dormano durante la lezione”. Dovesse accadere, toglieremmo d’imperio a Franti la corona di peggior studente della storia per riassegnarla al dormiglione ucraino. Perché c’è Dad e Dad, ma quella di Shandor è l’unica in cui la lezione continua anche quando finisce il collegamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.