LA STORIA FRESCA DI MATTEO, DEL ROBOTTINO E DEGLI AGENTI DI CUORE

Una letterina, fatta di tante lettere messe una di fila all’altra con buon ordine e per questo una letterina bella e convincente, tanto da aprire il cuore ad un gruppo di agenti del Commissariato di Bardonecchia, che avranno solitamente a che fare con malviventi, malfattori, usurai e gente di malaffare, ma in questo caso ci impiegano poco a trovare una soluzione al piccolo Matteo, di anni cinque, che con l’aiuto di papà e mamma ha pensato bene di scrivere la letterina. Non a Gesù Bambino, per questo c’è ancora tempo, bisogna ancora pazientare un po’, ma al commissario, dopo aver subito il furto del proprio giocattolo, un robottino.

«Buongiorno Signor Poliziotto, scusi il disturbo – scrive il bimbo con l’aiuto de genitori -. Mi chiamo Matteo, ho 5 anni e oggi con mia mamma e mio papà siamo stati a Bardonecchia. Devo segnalarvi un fatto spiacevole: mi è stato rubato un giocattolo, era sullo sdraio. Sotto il piede c’era scritto “Matteo”, anche se scolorito. Potreste attivare le indagini? Stanotte non ho chiuso occhio perché mi manca il mio giocattolo».

La cosa bella è che il bimbo crede ancora nelle istituzioni. La cosa bellissima è che anche i genitori credono quello che crede il piccolo Matteo. E la cosa stupefacente è che questo gruppo di donne e uomini in divisa, che forse in questi anni un po’ di fiducia nell’uomo l’hanno anche persa, non si sono persi d’animo e hanno pensato bene di fare una colletta per ricomprare il robottino al bimbo.

Forse, per qualcuno, questa non è stata la soluzione migliore. Il furbastro, la furbastra o i furbastri l’hanno passata liscia: l’hanno scampata. Ma i poliziotti del Commissariato, non riuscendo a rintracciare gli autori del furto, hanno deciso di ricomprare il robottino al piccolo e così, nei giorni scorsi, Matteo è tornato a Bardonecchia ed è passato dal Commissariato con i suoi genitori per la consegna del regalo, corredato da tanto di biglietto scritto a mano e contenente le firme dei poliziotti all’interno di un grosso cuore.

È una storia bella, che fa bene a Matteo, ai suoi genitori e ai ragazzi del Commissariato di Bardonecchia, ma fa bene anche a noi, in un periodo in cui siamo attorniati solo e soltanto da notizie brutte e negative: guerre e siccità, crisi economica e rincari di ogni genere. Un bimbo piange la scomparsa del proprio robottino e c’è chi glielo fa ritrovare. Uomini dello Stato. Non importa come, ma glielo restituiscono. E con questo gesto ridanno anche a noi un po’ di leggerezza e di aria fresca in questa canicola irrespirabile. Una boccata d’ossigeno e di speranza: anche noi non siamo robottini.

Un pensiero su “LA STORIA FRESCA DI MATTEO, DEL ROBOTTINO E DEGLI AGENTI DI CUORE

  1. Wanda Bayslak dice:

    Stento a crederci ma se lo dice il mio amico Stagi allora è sicuramente vero. Una gran bella storia con un finale da favola. La speranza è l’ultima a morire, non è solo un detto,
    per fortuna! Grazie Pier 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.