LA MISERABILE CORSA TV A CHI FA MORIRE PRIMA RAIOLA

Un sommergibile con un equipaggio di ubriachi. La notizia della scomparsa di Mino Raiola è stata trasmessa da bocca a bocca, social a social, redazione a redazione, una staffetta miserabile per mostrare chi ce l’avesse più lungo e duro, scoop. In questi casi non conta chi è morto, ma chi dà prima la notizia. Tutto molto umano.

Mino Raiola è ancora in vita, per fortuna, è morto il giornalismo dei furbi, i maratoneti dello spettacolo su tutto e su tutti, il parolaio diurno e notturno, elezioni presidenziali o politiche, stesso teatrino di ospiti, la guerra come occasione di ulteriore scontro fazioso, immagini farlocche di bombardamenti e carri armati in fiamme però smascherati come filmati di videogames, la terra è piatta, il Covid è un raffreddore, le mascherine sono una truffa, finte le bare sui camion militari a Bergamo, finti i morti di Mariupol, forse finti anche Putin e Biden.

Arrivano le scuse, due righe di repertorio e via come prima più di prima, il coccodrillo riposa nel cassetto, la guerra prosegue, il Covid anche.

Si attendono altre novità, lo studio televisivo è pronto, l’ospite aspetta la chiamata e il gettone o il bonifico. Segnalo questo aforisma: “Il giornalista è colui che distingue il vero dal falso. E pubblica il falso”. Parole di Mark Twain. Pure lui era un falso, chiamandosi in verità Samuel Langhorne Clemens. E’ giornalismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.