LA LUNA, IL DITO E I FALLI DI MANO

di TONY DAMASCELLI – Non bastava il torneo estivo, tipo giochi senza frontiere. Non bastavano gli orari, tipo cinco de la tarde, come direbbe il poliglotta Pardo Pierluigi. Non bastavano i recuperi post novanta minuti, da ritardo ferroviario. Non bastavano gli arbitri ai quali manca l’haka, poi il circo sarebbe okkey. Non bastava il Var. Ora abbiamo anche il tocco di mano tramutato in fallo di mano, che è una cosa totalmente diversa, alla faccia del gioco, dello spirito del football, di una logica violentata dopo secoli di divertimenti e anche polemiche ma almeno umane, mi si passi l’aggettivo. Sta scoppiando il finimondo per uno dei due rigori a favore della Juventus, gomito, avambraccio, punizione, massima punizione, penalty, Ronaldo, gol. Ed è venuto giù il soffitto. Strano, se ne erano visti già un tot e peggiori, durante questa stagione, il penultimo, assai simile, contro la Lazio a Lecce ma nessuno osò scrivere e dire che il potere delle grandi condiziona il soffio nel fischietto.

Era accaduto anche nella partita di andata a Bergamo con un rimbalzo sulla mano di Khedira e poi Barrow sbagliò il rigore. Ma ora ci risiamo senza capire che il bersaglio delle critiche, delle insinuazioni, delle polemiche sta altrove e non a Torino (confronta il numero dei rigori contro) ma a Zurigo, leggi Fifa, sottotitoli Infantino&Collina, quelli che governano il calcio mondiale e scrivono leggi incredibili, fuori da ogni logica. Prevedo la contestazione: è l’Ifab, cioè l’International Board, a decidere il tutto ma provate a verificare chi siano i componenti del convegno (i 4 paesi britannici) e capirete che sta poi al voto della Fifa mettere la firma. Prima ci pensava Blatter, adesso Infantino che oltre a essere avvocato viene dall’arbitraggio e ha come primo sodale Collina, di cui non aggiungo. Costoro hanno dato il pallone in mano agli arbitri, questi dispongono il gioco, lo interrompono, lo controllano al video, si consultano, ci ripensano, la task force di cervelli emette la sentenza inappellabile anche in presenza di evidente topica. Nel caso di Juventus-Atalanta non ci sono stati errori ma è stato ribadito che il regolamento è una chiavica assoluta e sta rovinando il gioco.

Basterebbe afferrare il toro per le corna, mettere in discussione Infantino e Collina e le loro teste pensanti e pesanti. I grandi giornali preferiscono alzare la polvere sulle squadre e sugli arbitri, meglio osservare  il dito e non la luna. In modo similgattopardesco è cambiato tutto purché nulla sia stato cambiato. Risate varie. Alla prossima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.