FURBETTI BONUS: NON DEVONO RESTITUIRE, DEVONO SPARIRE

di CRISTIANO GATTI – Dovremmo persino piantarla di chiamarli amabilmente furbetti. Questo è un vocabolo che si porta dietro un inevitabile alone vezzeggiativo, vagamente assolutorio, comunque indulgente.

Mai e poi mai mi verrebbe spontaneo chiamare furbetti i parlamentari che senza dare nell’occhio, nel pieno rispetto delle regole, hanno chiesto e ottenuto il bonus pensato nel tunnel nero del Covid per i lavoratori autonomi in difficoltà, cioè senza lavoro, cioè senza entrate. Questa brava gente è come certi impermeabili, doppia facciata, quando conviene sono politici e parlamentari, con tutti i privilegi e i vantaggi previsti dal ruolo, ma dalla sera alla mattina sono capacissimi di rivestirsi sui due piedi della divisa di semplici lavoratori, anche se non esercitano più, o quasi più, per mettere le unghie sul bonus dei disperati veri. Come facciano, con che fegato, resta un mistero: indiscutibilmente hanno un talento particolare.

Quanto squallore. A prima vista nessun reato, ma quanto squallore. Ci sono gesti che non riguardano i codici della legge, ma investono pesantemente la sfera etica e morale. Come i famosi vitalizi, tanto per restare sempre in zona parlamentare. Questi onorevoli – così si ostinano a chiamarli i servili sudditi – possono tranquillamente rispondere che hanno tutti i requisiti e le carte in regola per ottenere il sussidio dallo Stato, ma mai e poi potranno convincere il Paese d’essere persone degne. E’ una pura questione di dignità, di decoro, di onore. Se un politico non arriva a capire che le sue entrate da politico sono sufficienti ad attutire i disagi del lockdown, se davvero è convinto che comunque il bonus gli spetti e dunque perchè non prenderselo, se davvero in cinque non hanno colto lo scandalo della faccenda, allora è davvero il caso che i politici veri, seri, responsabili siano a primi a lapidarli, in senso morale, perchè questa è una delle tipiche storie capaci da sole di seppellire la credibilità di un’intera categoria. Non importa di che parte e di che partito siano: importa soltanto che abbiano potuto cadere tanto in basso, in un periodo tanto tragico.

Sono solo cinque, diranno legittimamente gli altri della politica. Devono restituire i soldi, dice l’indignato presidente della Camera, Roberto Fico. E’ il minimo. Ma non basta. Sono solo cinque, devono restituire i soldi, ma non basta. Devono sparire dalla circolazione. Devono rimettere il mandato e correre a nascondersi. E se non lo fanno spontaneamente, devono convincerli con le buone o con le cattive i loro capi. Per le spese del viaggio non c’è problema: possiamo concedere un altro bonus, ad personam, basta che si tolgano di mezzo. Che tornino ai loro posti di lavoro, magari noteranno la differenza.

Precedente NO, LO SPORT PIU' PERICOLOSO NON E' LA F.1 Successivo LA POLITICA (NOBILE) SPIEGATA ALLA CONSIGLIERA DEL BONUS

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.