ED E’ SUBITO POLLAIO / 2

di TONY DAMASCELLI – Ci mancava anche la protesta della stampa. Eccola, puntuale. Ci hanno pensato Verna Carlo e D’Ubaldo Guido, che sono il presidente e il segretario generale dell’Ordine dei giornalisti. Chiedono libero ingresso ai media per le partite di serie A, gli stadi sono vuoti, lo spazio è enorme, cronisti e fotografi e tecnici radio tivvù rispetterebbero le famose distanze sociali. E invece quei Rocco Casalino (credo che si stiano riproducendo) del ministero hanno limitato il numero a dieci, dieci inviati e dieci fotoreporter, per gli altri bastano le veline e le immagini tivvù.

Ogni regime ha le sue chiaviche, il ruolo della stampa ha assunto pesi e posture ridicole in questo periodo, le conferenze del Premier si svolgono per pochi astanti, le domande o sono pilotate o vengono respinte con stizza, idem dovrà accadere con il calcio, niente Galeazzi e affini nell’area spogliatoi, niente mix zone, microfoni a distanza, domande da casa o da redazione, risposte da frigidaire, mascherine per tutti tranne per quelli che fingono di giocare a pallone, per la nostra categoria, o sedicente tale, la solita figura da perecottari, come nei film dove siamo sempre i peggiori, anche delle comparse.

Comunque. Si può vivere e lavorare anche lontano dall’evento, e poi che evento. Che limitino pure l’accesso a una sporca dozzina di reporter. Il lavoro maligno lo faremo noi, da qualunque sito.

Post scriptum: alla finale di coppa Italia sarà presente il presidente della repubblica Mattarella in una tribuna autorità affollatissima e senza limiti di tessera omaggio. Lo Stato c’è. Ovviamente in maschera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.