DAI BLASCO, CHE ANCHE A 70 E’ SEMPRE UN’ALBA CHIARA

Beh, se anche Vasco ha raggiunto i settanta allora perché non confessarlo? Dai, chi di noi non ha avuto per un attimo, anche qualcosa più, una vita spericolata? Massì, vecchi bacchettoni, un Roxy bar lo abbiamo pure frequentato e chi non ha mai sognato di spingere sull’acceleratore come Steve McQueen in Bullit? Se Morandi andava a centallora e Lucio guidava come un pazzo a fari spenti, perché Vasco non poteva godersi la sua vita improbabile e imprevedibile?

Ma poi la stessa vita cambia e al posto degli accendini accesi durante i concerti è il tempo di accendere le candeline sulla torta e pensare che tutto è stato bello e per niente affatto è finita. Un signor Rossi, un altro signor Rossi, dopo Paolo e Valentino, ieri la coca cola la portava a scuola e oggi va di lambrusco, corre tra i campi del Salento per tenersi in forma, non molla, scrive di essere arrivato al settantesimo piano spericolato, ma se si affaccia e guarda giù capirà che sul marciapiede ci sono ancora le orme del suo passaggio, che per la musica sono state anche una storia beffarda, fatto fuori al Festival dove venne giudicato strambo se non ciucco e così dopo, l’identikit di uno da evitare, ventidue giorni in galera, mica quelli con la cravatta e la faccia pulita.

Eh già, lui è ancora qua, con la valigia piena di parole e musiche belle, di colpi forti di voce e di chitarra, la sua è sempre un’albachiara magari ruvida, magari raschiata ma verissima, immediata, il bignami di una generazione trasognata, zigzagante tra la sbornia con quattro amici e la pappa sempre calda e pronta a casa. Nè diavolo, né angelo, semplicemente Vasco, che è già un bel racconto, un bell’ascoltare.

Perché Blasco non ha mai cantato nel senso comune, ma ha parlato ad alta voce, ha pronunciato le cose che aveva e avevamo per la testa. Le sue mani sporche di cuore continuano a riempirci di sogni.

Un pensiero su “DAI BLASCO, CHE ANCHE A 70 E’ SEMPRE UN’ALBA CHIARA

  1. Eleonora Ballista dice:

    A pensarci bene ogni mamma che è stata “Alba chiara” vorrebbe una figlia “Alba chiara”. Anche se sa che è un rischio, perché fuori è pieno di lupi che le Albe le fanno tramontare.
    Ma se la giovane Alba supera gli ostacoli e si salva, sarà a sua volta una mamma chiara, chiara come un’Alba.
    Auguri Vasco!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.