COSA NON QUADRA NELLO SCIOPERO DELLA CLASSE INTERA CONTRO IL BULLO (DI 8 ANNI)

Un bel rebus a Jesi, alla scuola Collodi. Un rebus dal quale mancano alcune lettere e immagini e che non è facile risolvere, ma da spettatore qualche considerazione si può esprimere.

Ci viene raccontato che una classe intera è in balìa di un bullo incontenibile, violento con le cose e con le persone, irrispettoso e pericoloso, a causa del quale è impossibile il sereno e naturale svolgimento delle lezioni.

Compagni e famiglie sotto scacco da ben due anni, pare, così come pare che ora siano giunti al limite della sopportazione. Dopo che scuola e famiglia hanno chiamato in causa assistenti sociali, varie “figure professionali”, pure la questura, nulla è cambiato, e allora le famiglie decidono per lo sciopero dell’istruzione: due giorni tutti a casa e il bullo a scuola da solo.

La preside subito insorge e critica in modo aspro la decisione dei genitori, ritenendola smodata e inconcludente, “esagerata e inopportuna”, oltre a minimizzare alcun i episodi, dal dente rotto ai banchi che volano, al pugno sul naso e vandalismi vari, che invece le famiglie riportano sotto altra luce e gravità.

La preside non nega il problema, ma minimizza e sostiene che la soluzione risieda altrove.

La preside getta acqua sul fuoco, i genitori benzina, la famiglia del bullo al momento risulta non pervenuta.

E vengo al dunque, o quasi. Il bullo in questione ha 8 anni e stiamo parlando di una scuola elementare. Il diritto dei compagni a lezioni sicure e serene è sacrosanto, e ci mancherebbe, ma da qui, seduto sugli spalti, al terzo anello per giunta, punto la preside e la scuola tutta e mi chiedo: per quanto iperattivo, violento, ingovernabile, possibile che un bambino di otto anni tenga in pugno una classe intera? E da due anni?

Quando la preside dice di non aver la bacchetta magica e di aver finora fatto tutto il possibile, mi permetto di credere alla prima, ma di esprimere seri dubbi sulla seconda affermazione. Tra bisogni speciali, percorsi alternativi, integrazione graduale e altre diavolerie che certo lei conosce molto bene, è difficile credere che davvero tutto il possibile sia stato fatto.

Non sappiamo granché, pochi dettagli, poco di quello che servirebbe veramente per esprimere un’opinione più netta, sarebbe bello, è un po’ la terra di fantasilandia ammetto, pensare che i genitori del bulletto siano in qualche modo aiutati e sostenuti dalla altre famiglie, ma nemmeno sappiamo se e quanta consapevolezza vi sia della questione e della gravità che sta assumendo da parte loro.

La sensazione che magari proprio tutto quello che si poteva fare non sia stato fatto rimane, oltre allo sbigottimento e l’incredulità nell’apprendere di questa minicanaglia che terrorizza una classe intera senza freni.

E comunque dico, signora preside, c’è sempre l’esercito in caso di estrema necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.