BANCARELLA MILAN

Di tanto in tanto ci troviamo a parlare di stranieri che irrompono nel calcio italiano, domandandoci puntualmente quali vantaggi possano avere in un Paese paludato nelle sabbie mobili della politica, dove i club sperperano soldi a profusione e gli stadi di proprietà – il vero patrimonio – si contano sulla punta delle dita. Di conseguenza abbiamo un Pallotta rientrato a Boston da Roma, senza esser riuscito in 9 anni a scavare il primo cucchiaio di terra per le fondamenta del nuovo impianto. Abbiamo Commisso e Saputo, italiani che hanno fatto fortuna negli USA, che non hanno mai nemmeno provato a spingere Fiorentina e Bologna fuori da un limbo di mediocrità assoluta, tecnica e societaria. Poi ci sono Milan, Inter, Atalanta, Spezia, Genoa, Venezia, Lecce, Como, Spal, Ascoli, Parma e Pisa.

Costando poco, perché arrivano generalmente da gestioni finanziarie disastrose, i club italiani hanno quindi grandi potenzialità, almeno fino a quando gli investitori non sbattono il muso contro la nostra burocrazia, le nostre contraddizioni, i molti nonsensi. Politica, dicevamo. Nella maggior parte dei casi (l’Inter è un’eccezione) questi imprenditori esteri nel pallone italiano sanno rimettere a posto i conti (più raramente le squadre), aiutando il nostro sport nazionale a non perdere per strada stemmi e bandiere gloriose destinati inesorabilmente al default. Assai più difficilmente migliorano sensibilmente la parte sportiva: di nuovo l’Inter è un’eccezione, in questo caso positiva, ma se parliamo del Fondo Elliot al Milan dobbiamo farlo pressappoco in termini di miracolo.

Preso il club rossonero con i conti per aria, dopo i decenni generosi di Berlusconi e l’interregno-farsa del cinese Yong Hong Li, la famiglia Singer ha ridato al club rossonero una stabilità finanziaria assoluta, ponendolo ai primi posti tra le aziende italiane in termini di bilancio e sul gradino più alto del calcio sempre a proposito di conti a posto: brand cresciuto, sponsor moltiplicati e costi rimpiccioliti nonostante la pandemia. Questo ha reso appetibile il Milan già da tempo: vi si avvicinò ingolosito il gruppo LVHM alla vigilia del lockdown e adesso le firme di Investcorp sono imminenti sui contratti di trasferimento delle quote. Mentre con i numeri Elliot ci sa fare più di chiunque sul pianeta (nel suo settore), essendo il primo fondo attivo del mondo, era del pallone che mancavano esperienza e conoscenza e in questo senso il capolavoro è firmato Paolo Maldini. Dopo essersi affiancato a Leonardo e Boban per i primi rudimenti, abbandonato dal brasiliano e dal croato in disaccordo con la politica aziendale, Paolo ha fatto da solo a braccetto con Frederic Massara che la sa lunga e silenziosa. Hanno arricchito la rosa, hanno riportato il Milan in Champions e stabilmente ai vertici del campionato, hanno scovato campioni in erba e rigenerato vecchi bucanieri come Ibrahimovic, Kjaer, Florenzi, Giroud.
Con la squadra in testa alla classifica e la proprietà in testa a quella dei libri contabili, ecco planare sul Portello (sede del club) Investcorp, fondo arabo da 40 miliardi di dollari con sedi sparse sul globo e quartier generale in Baharain, partecipato al 20% dal fondo sovrano degli Emirati Arabi Uniti (243 miliardi di asset di gestione). Sono già approdati in Italia da vari lustri, con i marchi Gucci (1988) e Riva. Storia e cifre che autorizzano i sogni dei tifosi, ma immaginare un Milan stellare nel giro di poco tempo è piuttosto un’utopia.
Primo, perché gli emiri ancora non conoscono Sala: il sindaco di Milano non si piega e non si spezza nella sua miope cocciutaggine sulla questione nuovo stadio. Tra l’altro Investcorp è specializzata nel settore immobiliare ed è difficile che concepiscano, o accettino, l’idea di una comproprietà con l’Inter. Secondo, perché la strategia Elliot-Maldini di parsimonia negli acquisti e negli ingaggi non sarà rivoluzionata in partenza: sarebbe un autogol clamoroso, generando la corsa ai ritocchi della “rosa” attualmente a disposizione dell’allenatore Stefano Pioli che l’ha portata al vertice. Terzo, perché di stelle in questo momento c’è penuria nel panorama internazionale. Ovvero chi le ha se le tiene e se le mantiene, quindi è più serio e prudente continuare grazie al fiuto di Maldini e del suo staff di scouting.
Quello che è certo, è che le vittorie sportive per Investcorp saranno in cima agli obiettivi parimenti a quelli economico-finanziari, non potendosi scindere le due cose nel loro modo di concepire l’investimento: per immagine, ma anche per concretezza. Certo la passionalità, la partecipazione e l’entusiasmo degli arabi nello sport è più calda, diremmo più mediterranea e italiana, di quella distaccata e algida della proprietà attuale, presente in tribuna non più di 3-4 volte in questi anni. Elliot non resterà in quota, cederà e lascerà. Se in dote Investcorp riceverà anche un triangolo tricolore, sapremo tra meno di un mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.