A BOLZANO E’ TEDESCO ANCHE IL COVID

Val di Funes

di CRISTIANO GATTI – Anche stavolta Bolzano e la sua provincia, da noi detti Alto Adige, sul posto tassativamente Sudtirol, tornano in Italia. Ma anche stavolta, persino sul Covid, hanno provato ad andarsene. A fare da soli. Ci provano sempre. Ci provano da sempre. Da un secolo tondo. Da quando hanno perso una guerra e contro i loro desideri sono diventati Italia a tutti gli effetti.

Per questa seconda ondata pandemica avevano provato a scrivere regole tutte loro, sostanzialmente in pesante contrasto con quelle del resto d’Italia. Più che altro, tenendo aperto la sera. Tanto che in pochi giorni i ristoranti e i bar si sono ritrovati la coda persino dei clienti di altre città e di altre regioni, quelle inesorabilmente chiuse.

Ma evidentemente il Covid non ha nessuna voglia di fare differenze, di riconoscere autonomie estreme e di concedere privilegi. Anche lì i suoi numeri sono ruggenti. Così, con una storica riunione della giunta provinciale, in una delle pochissime province italiane che ancora contano più dello Stato, stridore di freni e potente retromarcia. Si torna a testa bassa in Italia, con la coda tra le gambe. Anche Bolzano – Alto Adige, Sudtirol – si adegua al Dpcm governativo: bar, gelaterie e pasticcerie saranno chiusi, mentre ristoranti e negozi dovranno fermare le attività alle 18 e non più alle 20 o 22, come da precedente ordinanza del governatore. In più, previsto il coprifuoco con divieto di uscire dalle 22 alle 5 del mattino.

Fin qui resteremmo comunque nel campo tradizionale dell’autonomia e dei privilegi concessi in un secolo di estenuanti trattative, costellate di bombe e di tralicci saltati. Ma in questo caso, nell’indifferenza colpevole e accidiosa dell’Italia stato sovrano, c’è una dichiarazione ufficiale che ha dell’inaudito. A rilasciarla pubblicamente non è un rosticcere di wurstel e crauti con tanta nostalgia dell’Impero, ma la massima carica istituzionale del luogo, il presidente della provincia Arno Kompatscher: “Ci muoviamo in linea con la Germania e con l’Austria”.

In altre parole: se hanno cambiato idea, è perchè si ispirano all’andamento della pandemia e alle relative misure di contenimento del vero Stato sovrano di riferimento, che a noi sembrerebbe nonostante tutto dover essere l’Italia, ma che per loro è sempre e soltanto quello, Germania&Austria.

Avrebbe anche tutta l’aria di un’ossessione da barzelletta, se non fosse che il periodo e la questione non possono più permettere dell’ironia. Da un secolo l’Alto Adige ottiene concessioni e privilegi impensabili, strappati con i ricatti del terrorismo sanguinario, praticamente in tutte le materie cruciali, dalla politica alla scuola, dalla sanità al fisco. Ma da un secolo, imperterrito, coltiva il rancore verso l’Italia e la nostalgia verso Nord.

Più e più volte l’Italia ha verificato concretamente, a sue spese, come la politica mollacciona e comprensiva delle concessioni all’autonomia non abbia fatto che peggiorare l’allontanamento di Bolzano, ma sentire e vedere ancora oggi il presidente di quella terra considerare baricentro e stella polare la Germania con l’Austria, persino su una questione grave e pesante come il Covid, è forse il segno peggiore di un fallimento totale.

E’ evidente: in anni e anni di trattati e trattative, qualcosa non ha filato per il verso giusto. Se questo è il risultato, sarebbe anche ora di riprendere in mano la questione. Purtroppo, non interessa più a nessuno. Che Bolzano sia uno staterello di estrazione tedesca dentro lo stato italiano, con punti di riferimento Berlino e Vienna, l’abbiamo accettato tutti noi italiani. Se possibile, più ancora degli stessi altoatesini.

Un pensiero su “A BOLZANO E’ TEDESCO ANCHE IL COVID

  1. Giorgio Locatelli dice:

    Lavoro in Alto Adige da 40 anni e parlando ovviamente con i clienti anche di cose di tutti i giorni vorrei dire a chi non conosce la realtà, che tanti parlano dell’Austria come aspirazione ma che gli Austriaci non sono così bendisposti nei confronti dei sud tirolesi. Tanto è vero che tanti in Austria ci vanno solo per fare il pieno o per andare a Monaco in aeroporto, e la considerazione dei turisti tedesco-austriaci è paragonata spesso ai ladri o comunque da controllare, opinione condivisa in egual misura verso gli Italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.